VIDEONEWS & sponsored

(in )

COMUNE TRENTO * INCONTRO POLIZIA LOCALE E AUTOTRASPORTATORI: « IL PUNTO SUI CONTROLLI ESEGUITI DA NOVEMBRE A 377 VEICOLI INDUSTRIALI, ELEVATE 627 VIOLAZIONI »

Si è svolto questa mattina presso il comando della polizia locale un costruttivo  incontro sull’attività di controllo del trasporto professionale di persone e di merci su strada. Erano presenti i rappresentanti delle categorie economiche, Associazione Artigiani, federazione trasporto, con il presidente Claudio Comini e il referente Andrea De Matthaeis, la Confindustria Autotrasporto con il presidente Lucio Sandri  e il referente Pierangelo Baldo, la Confcommercio trentino Fai Conftrasporto con il vice presidente Andrea Pellegrini e il referente Maurizio Lavarian, il comandante del Corpo Lino Giacomoni, il Coordinatore di Polizia Locale Ugo Segnana del Nucleo Autotrasporto ed infine l’assessore comunale all’urbanistica, edilizia privata e mobilità Alberto Salizzoni.

Durante l’incontro sono stati comunicati i dati dell’attività del Nucleo Autotrasporto (Nat – un gruppo di lavoro formato da tre operatori di polizia Locale, 1 commissario, 1 assistente capo ed 1 agente scelto) a circa sei mesi dalla sua istituzione avvenuta il 12 novembre 2018. Il Nat esegue controlli approfonditi su tutto il mondo del trasporto di merci e persone, al fine di aumentare la sicurezza stradale e garantire la corretta concorrenza tra autotrasportatori.

Nel periodo dal 12 novembre 2018 al 13 maggio 2019 sono state effettuate 113 giornate di controlli su strada, sono stati verificati 377 veicoli industriali ed elevate 627 violazioni.

Le maggiori irregolarità riscontrate sono riconducibili al mancato rispetto delle norme di comportamento quali la velocità eccessiva rispetto al limite di taratura del mezzo ma anche irregolarità inerenti le documentazioni di trasporto e non ultime vere e proprie alterazioni del cronotachigrafo o del sistema di abbattimento degli inquinanti, denominato Ad Blue.

Questi servizi, oltre a garantire la sicurezza sulle strade di tutti gli utenti, pongono pertanto un’attenzione particolare al controllo dei veicoli delle imprese di autotrasporto comunitarie ed extracomunitarie, che esercitano nel nostro Paese, in quanto l’autotrasporto italiano ha risentito di uno stato di crisi cagionato anche da un aumento della concorrenza estera, che a volte opera a costi ridotti pur in presenza di una rilevante quantità di offerta.

Durante l’incontro i presidenti delle associazioni di categoria hanno mostrato di apprezzare lo sforzo del Comune di mettere in campo la specifica attività operativa, chiedendo che i controlli proseguano nell’ottica di tutelare la concorrenza leale nel settore dell’autotrasporto, particolarmente esposto a tentativi di danneggiare chi fa impresa con onestà, rispettando le regole e offrendo servizi di qualità. Le verifiche su camion e pullman insomma servono non solo per la sicurezza stradale ma anche per reprimere le violazioni delle norme sulle condizioni di lavoro dei conducenti, sulla regolarità contributiva, sul distacco transnazionale dei lavoratori e sull’articolazione dei riposi settimanali.

La riunione si è conclusa con la previsione di possibili contatti futuri con la categoria, verso la quale la polizia locale può prevedere momenti di aggiornamento, anche formativi, diretti agli autotrasportatori.

 

 

Trento è uno dei più importanti punti di passaggio e di sosta dei veicoli industriali. Oltre a trovarsi lungo l’autostrada del Brennero ed essere uno snodo per la Statale della Valsugana, che conduce direttamente in Veneto, la città ha anche un Interporto.

Il Nucleo Autotrasporto, composto da agenti formati sulle norme che regolano il trasporto su strada nazionale e internazionale ed equipaggiati con il software Police Control (che legge i dati del cronotachigrafo digitale e della relativa scheda del conducente) effettua costanti controlli sul rispetto dei tempi di guida e di riposo, svolgendo anche verifiche con il centro Mobile di Revisione, messo a disposizione dal competente ufficio del Ministero dei Trasporti, che permette un’ispezione tecnica del camion analoga a quella svolta dalla Motorizzazione, tra cui quelle sui freni, telaio, cronotachigrafo, carico complessivo e sugli assi.

 

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/05/RIEPILOGO-ATTIVITA-NAT-SINO-AL-13_05_19.pdf” title=”RIEPILOGO ATTIVITA’ NAT SINO AL 13_05_19″]