News immediate,
non mediate!

COMUNE TRENTO* GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE: 50 I POSTI OCCUPATI NEI PRINCIPALI LUOGHI DELLA CULTURA

Scritto da
13:20 - 20/11/2017

25 novembre: Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Hanno risposto in molti all’appello lanciato dal Comune di Trento, Assessorato alle pari opportunità, per creare una rete tra i soggetti della cultura in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Saranno più di 50 i posti occupati presenti in città nei principali luoghi della cultura nella settimana dal 20 al 26 novembre: teatri, musei, spazi culturali, Università, luoghi della formazione, uffici dell’Amministrazione esporranno questo simbolo che rende visibile quel vuoto generato da gesti spesso gratuiti e concorre ad alzare l’attenzione dei cittadini.

La cultura che si fa parte attiva in occasione del 25 novembre, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica, ponendo l’attenzione sul tema del femminicidio che significa distruzione fisica, psicologica, economica, istituzionale della donna in quanto tale. Ma non solo.

Alla campagna nazionale, già nota e utilizzata da molti dei soggetti che hanno aderito all’iniziativa, quest’anno è stata affiancata la campagna di informazione del Centro Antiviolenza di Trento, a sostegno di chi opera concretamente sul territorio a favore delle donne oggetto di violenza, con l’intento di diffondere maggiormente una delle misure per prevenire gli atti di violenza.

L’adesione dei più importanti soggetti cittadini, che con la loro azione contribuiscono alla crescita culturale e sociale della città, vuole essere un segnale importante di impegno a favore di un “cambio di passo”, offrendo stimoli di riflessione alla società affinché già nelle giovani generazioni cresca una cultura del rispetto e della pari dignità, consapevoli che il problema è innanzitutto culturale e sociale. La sensibilizzazione deve favorire il cambiamento dando nuova voce alle donne e deve eliminare qualsiasi brutalità nei loro confronti che purtroppo consideriamo in molti casi ordinaria nelle relazioni tra maschile e femminile.

I 50 posti occupati di Trento saranno visibili non solo visitando i luoghi che li espongono ma anche attraverso una gallery virtuale sul sito del Comune di Trento, perché in questo caso essere virali in questo caso può solo incidere positivamente sulla nostra società. E inoltre la collaborazione con Trentino Trasporti Esercizio porterà il messaggio lungo tutte le linee urbane della città.

Posto occupato può essere un piccolo segnale, come lo è stato la targa contro il femminicidio posta quest’anno a palazzo Thun, in collaborazione con la Commissione provinciale pari opportunità. Occorre tempo per un profondo cambiamento culturale ma ci può essere accelerazione se si agisce insieme e si trovano le giuste sinergie, nella convinzione che la libertà delle donne è un contributo necessario per il futuro del nostro territorio.

In quest’occasione l’Amministrazione comunale ritiene inoltre opportuno ricordare la figura di Miguel Angel Cayo Ramirez, senzatetto peruviano che nella notte tra il 28 e il 29 aprile del 2009 era intervenuto in piazza Dante per difendere una ragazza minorenne da un’aggressione, pagando con la vita questo suo atto di coraggio.
Un uomo che difende una donna da un altro uomo è l’esempio di come la lotta alla violenza di genere parte innanzitutto da una presa di coscienza di ciascuno di noi dell’inviolabilità della persona umana, che deve portare la nostra società ad un cambio.

 

 

 

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/11/20171120_Posto-occupato-elenco-aderenti.pdf” title=”20171120_Posto occupato (elenco aderenti)”]
Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.