VIDEONEWS & sponsored

(in )

COMUNE RIVA DEL GARDA (TN) * GARDESANA BLOCCATA: « DA VENERDÌ 8 GENNAIO I PENDOLARI COSTRETTI A UTILIZZARE LE CORSE DI NAVIGARDA POTRANNO PARCHEGGIARE GRATIS »

Da venerdì 8 gennaio i pendolari costretti a utilizzare le corse di Navigarda attivate a causa della chiusura della Gardesana Orientale potranno parcheggiare gratis. La novità vale per tutti gli stalli blu a pagamento ed è riservata a chi dispone dell’abbonamento di Navigarda per la tratta Riva-Malcesine, quindicinale o mensile, del quale è sufficiente esporre una fotocopia sul cruscotto dell’auto.

«In questi ultimi due giorni -spiega l’assessore alla mobilità Luca Grazioli- nelle riunioni con Navigarda, Trentino Trasporti, Azienda Trasporti Verona e le amministrazioni comunali, oltre al servizio di bus navetta per studenti partito oggi, abbiamo messo in campo quest’altra iniziativa, che per motivi burocratici può partire solo da domani, venerdì 8 gennaio. Come prima risposta ci siamo concentrarci sul mondo della scuola, per poi confrontarci con Apm sull’iter, più complesso, per organizzare la gratuità dei parcheggi per i pendolari. Tutto questo perché siamo consapevoli dei disagi a cui va incontro chi deve spostarsi tra Riva e la sponda veneta del Garda, e nel limite del possibile vogliamo dare risposte rapide e concrete. E mi pare di poter dire che le risposte ci sono state: da una parte gli studenti, accompagnati in piena sicurezza a scuola, e dall’altra i lavoratori, che possono contare su una agevolazione non da poco per il parcheggio dell’auto».

L’agevolazione è valida esclusivamente nelle giornate di effettivo utilizzo della navigazione; ad esempio, se sabato e domenica non si utilizza il traghetto, si deve necessariamente pagare la sosta oppure spostare il mezzo dagli stalli blu (potranno essere condotti accertamenti incrociando i dati con Navigarda).

«A proposito dell’interpellanza del consigliere Bertoldi -aggiunge l’assessore- che proponeva un bus navetta di collegamento a un parcheggio dedicato ai pendolari, rispondo che va nella stessa nostra direzione, cioè aiutare i lavoratori che hanno importanti necessità legate alla chiusura della Gardesana, ma che è arrivata quando già stavamo lavorando a questo provvedimento. Con il quale l’amministrazione ha scelto di dare piena libertà di scelta, senza identificare un parcheggio dedicato, rendendo così superfluo un ulteriore servizio di bus navetta, che tra l’altro sarebbe molto oneroso per le casse comunali».