Per la 25ª rassegna di teatro amatoriale dialettale «Bruno Cattoi», la compagnia di Cavaion Veronese Teatro dell’Attorchio propone sabato 25 gennaio la commedia comica dialettale di Igino Dalle Vedove «Cantiere a luci rosse», al teatro di Nago con inizio alle ore 21. Come sempre, è disponibile l’apprezzato servizio di bus navetta gratuito (per chi dispone dell’abbonamento o del biglietto in prevendita), con fermate ad Arco e a Bolognano (la prenotazione si fa al momento dell’acquisto in Cassa Rurale).

«No gh’è polsar che straca» esclama Polpetta, manovale fannullone del muratore Enrico, tra un giro all’osteria e una chiacchierata con Santina, la strana vecchia che vive con la Pasquina e ce l’ha a morte con i «botegheri». Entrambi si trovano a lavorare sul cantiere dell’ingenuo impresario Mariolino, che sta ristrutturando un grazioso appartamento per regalarlo alla sua amante Rossella, affascinante e giovane arrivista. Ma se la moglie Gemma lo venisse a sapere? E se insieme alla sua amica Carla cercasse di escogitare qualcosa per mandare a monte questa lussuriosa tresca? Come finirà questa storia potrebbe svelarlo solo la famosa astrologa «Mimì la francese».

In scena Igino Dalle Vedove (Polpetta, il manovale), Franco Salvetti (Enrico detto Rico, il muratore), Livia Malesani (Santina, la pensionata), Roberto Tenca (Mariolino, l’impresario), Ilenia Righetti (Gemma, la moglie di Mariolino), Nadia Penaccini (Carla, l’amica di Gemma), Tania Aldrighetti (Rossella, l’amante di Mariolino) e Livia Malesani (Mimì, l’astrologa). Scenografia Igino Dalle Vedove, allestimento scenografico Franco Salvetti, Gianni Bonfioli, Igino Dalle Vedove, Roberto Tenca e Stefano Polinari, costumi Ilenia Righetti e Sabrina Tramonte, trucco e parrucco Anna Maria Cremonini, luci e audio Geppe Marconi, fotografo Gianni Bonfioli, progetto grafico Enrico Gastaldelli. Regia di Ermanno Regattieri.

Le prossime proposte
Il primo febbraio la compagnia di Revò La Revodana porta in scena «Na fiola da maridar», commedia dialettale brillante nell’adattamento di Stefano Palmucci: l’8 febbraio l’ospite è la Filobastia di Preore con «Ti posso spiegare» di Michele La Ginestra e Adriano Bennicelli; la rassegna si chiude il 15 febbraio con la compagnia di Cogollo (comune di Tregnago, provincia di Verona) La Nogara e la commedia brillantissima in due atti di Loredana Cont «Le me toca tute».

Bruno Cattoi
Attore, autore e regista generoso, Bruno Cattoi ha lasciato nel mondo del teatro locale un segno che resiste al tempo. Attore di provata esperienza, recitò anche a fianco di nomi importanti del teatro del Novecento (ad esempio Anna Proclemer) in spettacoli di livello nazionale, ma soprattutto fu cultore e amante delle espressioni più genuine e semplici dell’amore per il teatro, che ritrovava fra gli attori dilettanti della sua Arco e delle città vicine. Proprio per le filodrammatiche locali infatti, ha scritto copioni che ancora si ricordano con affetto e nostalgia per l’arguzia e la pungente satira, e per il grande cuore che egli ha saputo infondere ad ogni battuta.

Ingressi
biglietto unico: 7 euro
abbonamento alle cinque serate: 28 euro
Servizio di prevendita Primi alla Prima delle Casse Rurali del Trentino.
Servizio cassa in teatro a partire dalle ore 20.30 del giorno dello spettacolo (limitatamente ai biglietti invenduti).
I posti in abbonamento non occupati entro le ore 20.55 saranno rimessi in vendita

Bus-navetta
Per chi acquista l’abbonamento o il biglietto in prevendita, è previsto un servizio bus-navetta gratuito, da prenotare al momento dell’emissione in Cassa Rurale. Partenza: ore 20.30 dal parcheggio Alla Sarca (nuovo parcheggio di Caneve); ore 20.35 da piazza Vittoria a Bolognano. Fino all’esaurimento dei posti (54)

Collaborazione: associazione per il Coordinamento Teatrale Trentino di Trento; biblioteca comunale di Nago-Torbole.

Informazioni
Ufficio attività culturali del Comune di Arco
Arco, via Segantini 9, Palazzo dei Panni
telefono 0464 583619
email cultura@comune.arco.tn.it
web www.comune.arco.tn.it

Biblioteca comunale di Nago-Torbole
Nago, Casa della Comunità
telefono 0464 505181

Immagine dal libretto della rassegna; poster da Facebook (“Cantiere a luci rosse – Filo di Cavaion- Teatro dell’Attorchio”)