VIDEONEWS & sponsored

(in )

COMUNE DI TRENTO * SENZA DIMORA – ACCOGLIENZA INVERNALE: « SONO 132 I POSTI LETTO, 8 RISERVATI ALLE DONNE COPRONO LA TOTALITÀ DELLE RICHIESTE E 94 QUELLI PER UOMINI »

Accoglienza invernale, 132 i posti letto. I 38 riservati alle donne coprono la totalità delle richieste, 94 quelli per uomini. Trattativa con la Provincia per destinare ai senza dimora parte della “Fersina”.

“Parliamo di emergenza freddo in modo improprio, perché il problema dei posti letto per i senza dimora si presenta puntuale ogni inverno, dunque non si tratta di emergenza. Per questo è tempo di pensare a soluzioni strutturali”. Così il sindaco Franco Ianeselli ha introdotto, durante la conferenza stampa post Giunta del lunedì, l’illustrazione dei numeri e delle strutture destinate all’accoglienza invernale. “Stiamo lavorando con la Provincia per recuperare nuovi spazi – ha annunciato il sindaco –  Abbiamo avuto un confronto con il Commissariato di Governo qualche giorno fa sull’ipotesi di utilizzare alcuni spazi disponibili alla Residenza Fersina: verificheremo quanto prima se la strada è percorribile”. Il sindaco ha inoltre ringraziato il vescovo Lauro Tisi e la Caritas per il loro impegno: “So che anche la Caritas sta lavorando per mettere a disposizione nuovi posti letto. Ringrazio don Lauro per la grande sensibilità. Certo è che Trento è una città che non dimentica gli ultimi, dunque contiamo di trovare a breve una soluzione insieme alla Provincia”.

 

Di seguito la situazione delle strutture di accoglienza ad oggi nel territorio comunale.

Sono 132 i posti letto per senza dimora attivi attualmente nel territorio del Comune di Trento. Di questi, 38 sono riservati alle donne e coprono la totalità delle richieste di alloggio femminile. I restanti – 94 in tutto – sono riservati agli uomini. Ai 63 posti attivi tutto l’anno offerti da Bonomelli (31, gestione Caritas), Villa Sant’Ignazio (2 per persone vulnerabili) e Casa della Giovane (30), ne sono stati aggiunti dunque 69, dedicati specificatamente all’accoglienza invernale: 10 alla Casa San Francesco (Astalli, per richiedenti protezione), 9 alla Bonomelli con l’utilizzo di un container chiamato “Presa”,  22 alla Casa Sant’Angela (Caritas), riservata ai non residenti e ai soggetti vulnerabili, 20 alla Casa Maurizio (Amici dei senzatetto), 8 alla Casa Paola (Amici dei senza tetto).

Si stima che attualmente siano un centinaio i senza dimora privi di un posto letto: visto il maltempo e il progressivo abbassarsi delle temperature, la risposta a questa richiesta è particolarmente urgente. È in corso un confronto con il Commissariato di Governo, che ha già dato il suo assenso, e con la Provincia, per destinare all’accoglienza invernale una parte della Residenza Fersina.

Accoglienza diurna al Punto d’Incontro: 130 persone accedono al Punto d’Incontro, ogni giorno da lunedì a venerdì dalle 9 alle 17, per fruire del pranzo e dei servizi di accoglienza, docce, segreteria, cambio abiti, lavanderia. Il sabato l’apertura è dalle ore 9 alle ore 14, domenica dalle 9 alle ore 13.30 per la colazione. L’apertura domenicale, durante la quale vengono accolte circa 70 persone, è possibile grazie a risorse provenienti da donazioni. La domenica le persone ricevono un pranzo d’asporto a Casa Baldé.

L’attività di sportello maschile di via Endrici è formalmente chiusa per l’accettazione delle domande di posto letto, che sono state raccolte fino al 18 novembre scorso. I nominativi delle persone che si rivolgono allo sportello dopo quella data vengono segnate in un elenco a parte e contattate una volta esaurita la lista definita il 18 novembre.

Il Servizio Attività sociali del Comune di Trento è membro del Tavolo Inclusione e si occupa della presa in carico individuale delle situazioni più fragili in collaborazione  con la Provincia, competente in materia di Servizi per senza dimora. Il Tavolo Inclusione, coordinato dalla stessa Provincia, è infatti un luogo  istituzionalizzato e permanente di lavoro sulle persone senza dimora che coinvolge tutti i soggetti, pubblici e privati, che partecipano all’organizzazione dei servizi per l’emarginazione grave.