Pullman insicuro e non in regola, disposto il fermo amministrativo.  Nell’ambito di controlli programmati ai veicoli destinati al trasporto di persone conto terzi, lo scorso 1 giugno il Nucleo autotrasporto del Comando polizia locale di Trento ha sottoposto a verifica tecnica un pullman di una nota compagnia internazionale, riscontrando delle gravi carenze relative alla sicurezza e alle dotazioni tecniche.

Il veicolo, immatricolato in Italia, dall’analisi della documentazione non risultava in regola: infatti veniva impiegato su servizio di linea non autorizzato. Per questo motivo è stato sanzionato ai sensi dell’articolo 87 commi 6 e 7 del Codice della Strada per un importo di 432 euro; la carta di circolazione è stata ritirata e il pullman sottoposto a fermo amministrativo per la durata della sospensione della carta di circolazione che verrà stabilita dalla Motorizzazione civile competente per una durata compresa tra 2 e 8 mesi.

Gli agenti, durante l’accurata ispezione tecnica, hanno rilevato altre gravi carenze relative alla sicurezza; in particolare la porta anteriore destinata alla salita e discesa dei passeggeri, in fase di emergenza, non si apriva neppure a spinta ed inoltre l’estintore di bordo risultava completamente scarico.

Per tali inadempienze è stato contestato l’articolo 79 commi 1 e 4 del Codice della Strada, per un importo di euro 175; è stata inoltre richiesta alla Motorizzazione civile competente, ai sensi dell’articolo 80 del Codice della Strada, di sottoporre l’autobus a revisione tecnica straordinaria finalizzata al ripristino delle condizioni di sicurezza previste.