ACLI TRENTINO - "IO PARTECIPO"

INCONTRO CON VINCENZO PASSERINI, «LA LEZIONE DI GIUSEPPE DOSSETTI»

(diretta video Hd da sede Acli Trento - via Roma)

Disinnesco ordigno bellico a Romagnano: le modifiche alla viabilità. Domenica 2 febbraio a partire dalle 6.30 e non oltre le 8, sarà effettuato lo sgombero di tutti gli edifici e l’allontanamento delle persone e degli animali dall’area in cui insiste l’ordigno bellico e per un raggio di 1.800 m dal punto del suo collocamento, individuato sul territorio del sobborgo di Romagnano e parte dell’abitato di Garniga Terme.

Verranno allestiti sul territorio i centri di accoglienza e sarà attivo il numero telefonico dedicato 0461 889400.

Tutta l’area dei centri abitati interessati, attraversata da tre strade provinciali (SP 90 Destra Adige, SP 25 Garniga Viote, e SP 131 nel tratto compreso fra il ponte vecchio di Mattarello e Romagnano), dovrà essere interdetta alla circolazione veicolare. Pertanto, a partire dalle 7 sarà in vigore il divieto di accesso all’area interessata e a partire dalle 8 il divieto di transito a veicoli e persone.

Saranno attuate le seguenti deviazioni:
• per chi proviene da nord alla rotatoria posta in via Stella in direzione del casello Trento sud e quindi in tangenziale
• per chi proviene da sud all’altezza del magazzino Frutta SFT sulla SP 21 in direzione Mattarello
• per chi proviene da Mattarello dopo il ponte vecchio sulla SP 21 in direzione di Aldeno.
Verranno istituiti posti di blocco sulle strade interessate, presidiati da agenti di polizia locale.
Dalle 7 e fino al termine delle operazioni non sarà raggiungibile l’abitato di Garniga Vecchia.
La viabilità ordinaria sarà ripristinata presumibilmente entro le 12 sia per quanto riguarda l’abitato di Romagnano che quello di Garniga.