Calzedonia dona duemila mascherine alla Circoscrizione di Ravina-Romagnano. La presidente Giuliani: “Ho scritto e loro me le hanno inviate. Le distribuiamo
prima ad alpini e vigili del fuoco volontari, poi anche al resto dei cittadini”.

In questo periodo in cui tutti sono a caccia di mascherine protettive, c’è una Circoscrizione della città che il problema l’ha quasi risolto grazie a uno straordinario pacco regalo arrivato pochi giorni fa: si tratta di un imballo contenente duemila mascherine inviate in dono dalla ditta Calzedonia a Camilla Giuliani, presidente della Circoscrizione Ravina-Romagnano. “Giorni fa ho letto che Calzedonia si era messa a produrre mascherine – racconta la presidente –

Così ho scritto un’email, chiedendo se potevano inviarcene un po’ per i nostri oltre cinquemila residenti. Loro non si sono fatti pregare e ce ne hanno inviate duemila precisando che si tratta di mascherine non ancora certificate dall’Istituto superiore di Sanità, ma lavabili e anche disinfettabili. Le distribuiremo innanzitutto a vigili del fuoco volontari e alpini, che sono sul territorio a fare svariati servizi. E poi li daremo anche ai cittadini, pensando soprattutto al dopo, cioè a quando potremo uscire di casa con le dovute precauzioni. Ho già scritto a Calzedonia per ringraziare, aggiungendo che, se possono, ce ne mandino altre”.

Chi conosce Camilla Giuliani non si stupisce affatto dell’inziativa, che peraltro non è l’unica. Infatti la presidente sta prendendo contatti con il Sait di Ravina-Romagnano per avviare l’iniziativa “spesa sospesa” e per lanciare uno “scontrino sospeso” anche in farmacia. “Dobbiamo essere pronti ad affrontare un periodo di difficoltà – conclude la presidente – E io sto cercando tutti i modi per prepararci ad affrontare al meglio la situazione. Se qualcuno ha qualche idea da suggerire, mi chiami, io rispondo sempre”.