VIDEONEWS & sponsored

(in )

COMUNE DI TRENTO * 218° ANNIVERSARIO POLIZIA LOCALE: ANDREATTA, « LA VOSTRA ATTIVITÀ NON È SOLO DI CONTROLLO MA ANCHE DI MEDIAZIONE TRA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE ED I CITTADINI »

Saluto tutte le autorità presenti, i sindaci di Aldeno, Cimone e Garniga, il comandante Giacomoni e, naturalmente, tutti gli agenti di polizia municipale, che sono i veri protagonisti di questa festa.

Non posso non iniziare questo breve saluto dal luogo scelto per questa festa. Per la prima volta, la Polizia locale cittadina celebra l’anniversario della propria fondazione nell’antico quartiere di Piedicastello: un quartiere che in passato è stato ferito ma ha saputo riscattarsi e che ora, dopo il rifacimento della piazza, ha recuperato il fascino d’un tempo.

Credo che la scelta di Piedicastello non sia casuale: l’essere presenti qui, in un luogo decentrato ma ricco di storia, è significativo del ruolo della nostra polizia locale, che vive dentro alla città e con la città, in centro come in periferia, a presidiare tanto le piazze lastricate di bolognini quanto le vie più anonime. Voi agenti siete coloro che meglio conoscono i mutamenti del nostro tessuto urbano, quelli che più di tutti sanno interpretare la complessità, della viabilità certo, ma anche sociale, economica, ambientale. Il servizio che svolgete vi porta a frequentare luoghi, persone, ambienti diversi: per questo, la vostra attività non è solo di controllo, di vigilanza e, quando è necessario, di repressione, ma anche di mediazione tra l’Amministrazione comunale e i cittadini, tra i regolamenti e i comportamenti, tra le richieste e i bisogni.

Chiudiamo un anno molto impegnativo. Basti pensare che, dopo la festa dell’anno scorso, oltre agli eventi tradizionali, Trento ha ospitato l’Adunata degli Alpini, la tappa del Giro d’Italia, la prima edizione del Festival dello Sport. Ogni appuntamento vi ha visto in prima linea, a risolvere rebus viabilistici e logistici che a prima vista apparivano insolubili; a vigilare sulla sicurezza in condizioni non facili, con la città che registrava forse il più alto numero di presenze di sempre. Avete sopportato un carico di lavoro straordinario e, soprattutto, siete riusciti a far funzionare la macchina organizzativa in modo impeccabile: non era affatto scontato e di questo vi dobbiamo tutti essere grati, perché se Trento, in questi anni, si è guadagnata una reputazione nel campo dei grandi eventi, se Trento è una città turistica, lo si deve anche a voi.

A questo proposito mi voglio soffermare un un aspetto, che forse è il più importante del vostro lavoro, anche se è il meno visibile: mi riferisco al vostro impegno in tema di prevenzione. Si tratta di un lavoro dietro le quinte, che spesso non viene percepito, ma che è fondamentale per il funzionamento della città. Faccio solo qualche esempio: in occasione dell’ultima grande nevicata, mentre altrove i camion restavano bloccati, a Trento gli agenti della polizia locale hanno evitato la paralisi della città fermando i mezzi pesanti senza catene nei punti critici, in modo da prevenire il collasso del traffico, che infatti non c’è stato.

E il successo dell’Adunata non è stato un caso, ma il frutto di 5 mila 455 ore di lavoro sul campo oltre che di un piano preliminare studiato nei minimi dettagli, predisposto per affrontare piccoli imprevisti ma anche incidenti importanti che, anche grazie a voi, non si sono verificati. Non meno determinante è il vostro ruolo nel dare risposte ai cittadini che necessitano di informazioni nei campi più disparati: al Comando, sulla strada, nelle Circoscrizioni, ma anche nelle scuole, siete da sempre il punto di riferimento più vicino ai cittadini.

Infine un accenno al vostro lavoro, sempre più impegnativo, in tema di sicurezza, sia sul piano della prevenzione che su quello della repressione. L’arrivo di nuove forze darà maggiore stabilità a quel nucleo di agenti dedicato proprio al contrasto del degrado e della microcriminalità, diventato in questi anni una parte davvero importante della vostra azione quotidiana. E’ un compito delicato e cruciale che non ha solo finalità repressive, ma che mira anche ad aumentare il tasso di fiducia e di serenità dei cittadini: fiducia nei luoghi che frequentiamo ogni giorno e nelle persone che incontriamo per strada.

Non mi resta allora che ringraziarvi, qualunque sia il vostro compito. La nostra riconoscenza va a ciascuno di voi: a chi si occupa del traffico; a chi lavora per la buona riuscita delle fiere e dei mercati; a chi contrasta lo spaccio di droga o i borseggi; a chi presidia la centrale operativa, garantendo 24 ore su 24 un punto di riferimento per i cittadini; al nucleo ambientale, che ha ottenuto ottimi risultati nella guerra all’abbandono dei rifiuti; ai vigili di quartiere, che uniscono all’attività ordinaria gli incontri con i cittadini, in modo da rafforzare il legame con il territorio; a chi ha compiti di responsabilità, a cominciare dal comandante Giacomoni. Ai vigili che saranno premiati perché nel loro lavoro hanno messo una dose straordinaria di passione e competenza, a quelli che sono andati in pensione e che hanno dedicato la loro vita lavorativa al Corpo della polizia locale di Trento. A loro e ancora a tutti voi il grazie dell’intera Città e dell’Amministrazione comunale.

Il sindaco
Alessandro Andreatta

 

*

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/04/Discorso-Festa-Corpo-17.04.19.pdf” title=”Discorso Festa Corpo 17.04.19″]

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/04/Elenco-Premiati-2019.pdf” title=”Elenco Premiati 2019″]

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/04/Brochure-Festa-Corpo-2019.pdf” title=”Brochure Festa Corpo 2019″]