Numerosi sono i personaggi illustri nella storia di Avio che l’Amministrazione comunale ha voluto, in particolare nel corso di questi ultimi cinque anni, ricordare e valorizzare.

Pensiamo ad esempio, all’inaugurazione, soltanto qualche mese, de “Largo Gemma De Gresti Guerrieri Gonzaga – benefattrice” a Vo’ Sinistro, del parco pubblico in località “Giazera” rinominato in “Giardino Padre Fulvio Cristoforetti – Missionario Comboniano – n. 1931 – m. 2008” o, ancora, della “Piazza Francesco Perotti Beno”, primo sindaco di Avio dopo l’avanzata italiana del 1915, proprio in centro ad Avio.

Ora la giunta, con verbale di deliberazione n. 213 del 30 dicembre 2019, vuole ricordare e valorizzare un altro famoso personaggio illustre della storia culturale nazionale, il patriota e letterato aviense Giuseppe Turrini (1826-1899) , del quale, è venuta a conoscenza – attraverso corrispondenza con l’Università di Venezia – degli studi sugli archivi Turrini conservati presso gli Archivi storici della Biblioteca comunale di Trento, fatti dal dottor Alberico Crafa, dottorando presso l’università La sapienza di Roma. Studi che hanno portato alla compilazione di un testo di circa 300 pagine sull’eredità indologica appunto di Giuseppe Turrini, traduttore e studioso di poesia indiana.

Il volume ha ricevuto l’interessamento della Società Editrice Fiorentina, casa editrice storicamente legata alla pubblicazione di saggistica scientifica e umanistica e che vanta collaborazioni con università importanti; e che intende proporre l’opera nella collana “Alti studi di storia intellettuale e delle religioni”.

L’amministrazione ha deliberato, quindi, di acquistare oltre 150 copie con il doppio obiettivo di supportare sia la pubblicazione che la diffusione dell’opera.