VIDEONEWS & sponsored

(in )

COMUN GENERAL DE FASCIA: DETOMAS, CHIOCCHETTI È LIBERO DI ESPRIMERE OPINIONI

(Fonte: Giuseppe Detomas) –  Leggo le reazioni stizzite della Procuradora del Comun General de Fascia e del segretario dell’Associazione Fassa in ordine alla presa di posizione del dottor Fabio Chiocchetti che giustificava, nel merito e nel metodo, il comportamento dei consiglieri dell’Ual che, abbandonando l’aula nell’ultima riunione del Consei General de Fascia, facevano venir meno il numero legale, a causa dell’assenza di molti consiglieri di maggioranza.

Sul fatto, il consigliere provinciale Civettini , che riveste spesso il ruolo del loro portavoce, neanche stavolta ha perso l’occasione per presentare l’ennesima interrogazione consiliare.

Non voglio fare il difensore d’ufficio di nessuno, tantomeno del dottor Chiocchetti, che non ne ha bisogno.

Ritengo però di intervenire a difesa del diritto di ognuno di avere un’ opinione e di poterla esprimere liberamente, a prescindere dallo stato, dalla condizione economica, dal genere, dalla religione e, naturalmente, anche dal lavoro che svolge.

E ciò vale, naturalmente, anche nel caso di un pubblico dipendente, che sia operaio, impiegato o dirigente, il quale può manifestare il suo dissenso, come tutti i cittadini, rispetto a decisioni o comportamenti di chi ha la responsabilità nella gestione e nella conduzione di organi, di enti e di istituzioni.

Questo è un principio che dovrebbe essere scontato e la sua messa in discussione non può che allarmare chiunque ha a cuore la libertà, la democrazia e le sue regole. Tanto più se chi lo contesta è a capo di istituzioni o enti.

La divergenza di opinioni, anche la critica aperta, se manifestata entro le regole del vivere civile, è il sale della democrazia.

Certo, il dissenso può anche infastidire, ma le ragioni di questo devono essere affrontate nel merito, e non negando il diritto di esprimerle, magari giustificando tale diniego con ragioni legate alla situazione personale di chi le formula.

Questa si chiama discriminazione, e la discriminazione è nemica della libertà e della civiltà. Mala tempora currunt…

 

 

 

*

Giuseppe Detomas