Nel tentativo di districare l’ingarbugliata matassa dei problemi creati nel corso degli anni dai rumori e dalle vibrazioni causati dallo stazionamento dei treni locali presso la stazione ferroviaria e dal transito ad alta velocità dei treni merci.

I comitati di quartiere che nel corso degli anni hanno portato avanti numerose iniziative in autonomia con proposte per contribuire a risolvere i problemi, hanno deciso di creare un coordinamento unico tra tutti i comitati e le realtà presenti in città.

Invitano i cittadini non ancora organizzati a unirsi per dare più forza alle azioni necessarie per spingere l’amministrazione comunale e provinciale a prendere la regia e prendere in considerazione le istanze per risolvere la complessa situazione di disagio che si è creata nel corso degli anni.

I comitati della città di Trento ora si riuniranno tutti nel “Comitato ferrovia vivibile” della città di Trento.

Nella consapevolezza che l’interesse pubblico dell’esercizio di una stazione ferroviaria realizzata a metà 800, ben prima degli edifici degli abitanti è da tutelare. Come del resto è da tutelare la qualità della vita degli abitanti che abitano nei pressi della stazione ferroviaria.

Per questi motivi giovedì 29 novembre 2018 alle ore 18 presso la sala della circoscrizione a Piedicastello di via Verruca 1 è stata convocata l’assemblea aperta a tutta la cittadinanza dove sarà ufficializzata l’unione dei comitati e saranno presentate le proposte e le azioni che si intraprenderanno nei prossimi mesi. Sarà anche illustrata l’azione legale in corso.