VIDEONEWS & sponsored

(in )

CODACONS * WIND: « INCHIESTA DELLA PROCURA DI MILANO SU SERVIZI NON RICHIESTI, SUL NOSTRO SITO IL MODULO PER CHIEDERE IL RISARCIMENTO »

Sulla truffa dei servizi non richiesti attivati da Wind ai propri clienti, su cui indaga la Procura di Milano e che ha portato il Gip a disporre sequestri per complessivi 38 milioni di euro, interviene oggi il Codacons, che scende in campo per far ottenere ai clienti della compagnia telefonica il risarcimento delle somme indebitamente sottratte e dei danni subiti.
Dalle carte dell’inchiesta è emersa l’esistenza di una vera e propria formula per truffare gli utenti, che vede coinvolti operatori telefonici, società produttrici di contenuti e piattaforme tecnologiche, che attivavano sulle Sim degli utenti servizi a pagamento come oroscopi, meteo, giochi, ecc., non richiesti e attraverso banner ingannevoli – spiega l’associazione –

Una truffa quella dei servizi a sovraprezzo più volte denunciata dal Codacons nel corso degli anni, e solo nel 2018 costata 1,5 miliardi di euro agli utenti italiani.
Soldi che ora dovranno essere restituiti ai consumatori: in tal senso l’associazione si costituisce parte offesa nell’inchiesta della Procura, e pubblicherà domani sul proprio sito internet il modulo attraverso il quale tutti i clienti Wind che si sono visti attivare servizi a pagamento non richiesti, potranno chiedere il risarcimento per i danni subiti e diventare parte civile nel caso di un eventuale processo.