VIDEONEWS & sponsored

(in )

CODACONS * VACCINO PFIZER: « SI MUOVE ANTITRUST UE, A SEGNO IL NOSTRO ESPOSTO PER ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE »

L’Antitrust Ue accoglie l’esposto del Codacons contro Pfizer e punta il faro sul caso della riduzione nelle forniture di vaccini anti-Covid all’Italia. Lo ha comunicato la stessa Commissione Europea al Codacons, rispondendo all’esposto per abuso di posizione dominante presentato la settimana scorsa dall’associazione nei confronti di Pfizer.

“La ringrazio per aver portato, a nome del CODACONS, all’attenzione della direzione generale della Concorrenza (“DG Concorrenza”) della Commissione Europea il comportamento di Pfizer in merito alla riduzione dell’offerta dei vaccini Corona sia in Italia che nell’Unione europea – scrive la Unit E1 – Antitrust: Pharmaceuticals & Health Services della Commissione Ue – Abbiamo inoltre condiviso le informazioni da Lei fornite con altri servizi della Commissione europea responsabili dei vaccini contro il coronavirus. Nell’attuale situazione di domanda molto urgente di vaccini e di offerta limitata di due soli fornitori di vaccini, posso assicurarLe che la DG Concorrenza osserva molto precisamente il comportamento dei fornitori di vaccini per verificarne il rispetto delle norme dell’Unione europea in materia di concorrenza. Siamo inoltre in contatto regolare con i colleghi dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, incaricata di applicare le norme dell’Unione europea in materia di concorrenza in Italia”.

Proprio per approfondire l’esposto presentato dal Codacons, nei prossimi giorni l’associazione sarà ascoltata dalla Responsabile dell’Unità Antitrust dedicata a salute e farmaci.
Nell’esposto per la possibile fattispecie di abuso di posizione dominante presentato all’Antitrust Ue il Codacons scriveva:
“La normativa Antitrust riserva un’attenzione particolare alle imprese che detengono una posizione dominante all’interno del mercato poiché esse possono falsare e distorcere la libera concorrenza qualora vengano poste in essere condotte di sfruttamento di tale situazione ritenute abusive. L’abuso di posizione dominante si concretizza quando l’impresa sfrutta il proprio potere impedendo ai concorrenti di operare sul mercato con conseguente danno anche per i consumatori. L’impresa in posizione dominante ha dunque la responsabilità di non tenere un comportamento che ostacoli lo svolgimento di una concorrenza effettiva all’interno del mercato.

Pertanto si chiede alla Ill.ma European Commission Directorate-General for CompetitionbFor the attention of the Antitrust Registry di svolgere ogni opportuna indagine adottando tutti i provvedimenti ritenuti opportuni in ordine alle condotte sopra descritte verificando e accertando se l’operato della PFIZER possa integrare anche la violazione della normativa Antitrust in tema di abuso di posizione dominante”.