Coronavirus, la CNA chiede aiuti per PMI e autonomi. Sospensione dei contributi, supporto al reddito di lavoratori dipendenti, autonomi e artigiani.

La CNA Trentino Alto Adige si unisce alla posizione di CNA Nazionale ed esprime preoccupazione per gli effetti dei provvedimenti, che saranno assunti dal Governo e dalle Regioni per contenere il contagio, sull’economia e sulle imprese e ribadisce l’esigenza di prevedere la sospensione dei versamenti contributivi e di disporre misure straordinarie di supporto al reddito dei lavoratori dipendenti e indennità per artigiani e lavoratori autonomi danneggiati dalla crisi come sta avvenendo in Lombardia, Veneto e Emilia Romagna.

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, ha riunito domenica con urgenza le parti sociali per condividere un piano di gestione del Coronavirus. Il Governo è impegnato a predisporre interventi di tutela dei lavoratori, degli autonomi e dei professionisti e delle imprese dei territori colpi dal contagio.

Il tavolo avviato sarà riconvocato domani, martedì, per affrontare con le parti sociali l’evoluzione dell’emergenza per trovare e condividere soluzioni adeguate.

“Opportuno sarebbe – afferma Claudio Corrarati, presidente della CNA regionale – attivare analoghi tavoli di confronto anche nelle Province di Trento e Bolzano per preparare, se sarà necessario, un piano di intervento e di sostegno all’economia utilizzando i margini dell’Autonomia, tenendo conto che se anche la nostra regione rimanesse fuori dal contagio, come auspichiamo, ci sarebbe comunque un contraccolpo per gli scambi e i lavori nei territori in stato di isolamento”.

Intanto CNA ha deciso che tutti gli eventi organizzati presso la sede nazionale sono annullati fino al 1° marzo.