VIDEONEWS & sponsored

(in )

CISL MEDICI – TRENTINO * SCIOPERO AZIENDALE: «PROCLAMATA L’ASTENSIONE DAL LAVORO IL 10 E 11 GENNAIO 2019, I MEDICI DI FAMIGLIA CHIUDERANNO GLI AMBULATORI DALLE 8 ALLE 20 »

Comunichiamo agli organi di stampa che nella giornata di oggi è stato proclamato lo sciopero aziendale dei medici di medicina generale della Cisl medici del Trentino-Intesa sindacale Regione Trentino, per le giornate del 10 e 11 gennaio 2019, comunicandolo al Commissariato del Governo, all’assessore Stefania Segnana, al Direttore generale dell’Apss di Trentodottor Paolo Bordon ed alla Commissione nazionale di Garanzia sciopero.

I medici di famiglia chiuderanno tutti i loro ambulatori dalle ore 0.8.00 alle 20.00 dei due giorni sopra indicati; i medici di continuità assistenziale (ex guardia medica) si asterranno dal servizio dalle ore 20.00 alle ore 08.00 del turno del 10 gennaio 2019;i medici dell’emergenza sanitaria territoriale si asterranno come i medici della continuità assistenziale.

Saranno garantiti i servizi indispensabili previsti dagli accordi.

Siamo costretti a questa scelta estrema,visto il tentativo di mediazione fallito ieri mattina, che procurerà disagi ai cittadini, per difendere la dignità del nostro lavoro professionale della categoria, per l’uniformità dell’assistenza in ogni ambito sanitario ed equità di trattamento tra i nostri professionisti.

In riferimento al comunicato dell’Ufficio Stampa della Provincia autonoma di Trento di ieri sera,Cisl medici esclude il comportamento contradditorio ivi descritto, sottolineando che in Piazza Dante, il 10 dicembre u.s.,non si è mai concordata la nascita di un maxiambulatorio come quello aperto ieri; ed i tre segretari delle tre organizzazioni sindacali presenti,compresa la nostra, non hanno deliberato in Comitato provinciale ex art.24 alcunchè limitandosi espressamente a prendere atto delle comunicazioni date dalla Provincia autonoma di Trento in quella sede.

Rimaniamo comunque sempre aperti al dialogo, e pronti a revocare lo sciopero in qualsiasi momento, con chi voglia realmente trovare una soluzione a questa crisi di rapporti deteriorati tra medici di medicina generale e i vertici aziendali provinciali , che non ha precedenti nella storia recente della Sanità trentina.

In caso contrario, esaurito lo sciopero del 10 e 11 gennaio 2019, saremo costretti a procedere con altre azioni nelle settimane e mesi successivi

 

*

Dottora Nicola Paoli
Segretario generale Cisl medici del Trentino