News immediate,
non mediate!

Candidata FdI Cinzia Cellucci (Comune Rovereto) – Lettera ai cittadini

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

CISL MEDICI – TRENTINO * MEDICINA GENERALE: ” LE ATTIVITÀ AMBULATORIALI A LIBERO ACCESSO SI SVOLGERANNO SOLO NELLE ORE DIURNE E SERALI “

Scritto da
09.38 - giovedì 19 aprile 2018

Pubblicazione di 64 posti di medicina generale a tempo indeterminato in Trentino a fine mese. Cisl medici del Trentino plaude all’ennesimo tentativo aziendale e provinciale di pubblicare entro fine mese 55 nuove zone carenti per medici di guardia nelle attuali 20 sedi di continuità assistenziale sopravvissute alla sforbiciata di un anno fa, stabilizzando quindi quanti, tutt’ora, lavorano come precari, senza un vero futuro per se e per le loro famiglie.

Oltre a questo, nel Comitato aziendale della medicina generale che si è tenuto ieri in Direzione Generale Apss di Trento, alla presenza del Dottor Bordon, sentiti i sindacati, sono state confermate 16 nuove zone carenti di medicina generale, nonostante le tante proteste pervenute da parte dei medici titolari riguardanti la scelta di sedi principali che a noi non appaiono affatto carenti ma piuttosto bisognose di promozione politica in vista delle prossime elezioni.

In definitiva, stabilizzazione per i tanti giovani senza lavoro che cercano un posto stabile nel nostro Trentino, nella speranza, da parte nostra, che non sia troppo tardi per richiamare coloro che sono stati mandati via all’indomani della soppressione delle altre 13 sedi di guardia medica presenti fino a qualche anno fa.

Tenendo soprattutto conto che dal prossimo anno il servizio di guardia medica verrà erogata solo in sedi sicure ed idonee che di notte “non saranno più liberamente accessibili ai cittadini”. Nel rinnovo della Convenzione, firmata un mese fa, infatti, è stato raggiunto l’accordo con la parte pubblica, compresa la Provincia Autonoma di Trento, in base alla quale le attività ambulatoriali a libero accesso per i cittadini si svolgeranno solo in ambulatori aperti nelle ore diurne e serali.

E non varrà più, come accade oggi in Trentino, che alla consegna delle chiavi i medici precari vengano invitati a firmare senza poterne prendere visione “le procedure relative all’organizzazione ed alla gestione delle postazioni di continuità assistenziale”, non concordato con le Ooss della medicina generale in aperta violazione del nostro accordo, dove sta scritto che hanno preso visione della sicurezza dei locali, mai visti materialmente prima.

Nella totale indifferenza di chi ha la responsabilità, in primis la Direzione del Servizio territoriale, di garantire la tranquillità per i nostri professionisti nelle sedi in cui accedono i cittadini, attualmente senza alcun controllo, e dove, in alcuni casi, a tutt’oggi mancano ancora i più elementari sistemi di sicurezza.

Quelli che tengono lontani da violenze verbali e non solo nei confronti dei nostri operatori, medici di famiglia e medici di guardia; che allontanano sempre più i medici dal nostro territorio e dalla nostra professione.

 

*
Dottor Nicola Paoli
Segretario generale Cisl medici del Trentino

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DELLA FONTE TITOLARE DELLA NOTIZIA E/O COMUNICATO STAMPA

È consentito a terzi (ed a testate giornalistiche) l’utilizzo integrale o parziale del presente contenuto, ma con l’obbligo di Legge di citare la fonte: “Agenzia giornalistica Opinione”.
È comunque sempre vietata la riproduzione delle immagini.

I commenti sono chiusi.