VIDEONEWS & sponsored

(in )

CISL MEDICI – TRENTINO * BONUS COVID FASE 2 : « SOTTOSCRITTO CON APSS L'ACCORDO PER L'AREA DIRIGENZIALE MEDICA E NON, DEL COMPARTO SANITÀ »

In data odierna Cisl medici del Trentino ha sottoscritto l’Accordo Bonus Covid Fase 2 per l’area dirigenziale medica e non, del Comparto Sanità,dopo aver concordato il 12 aprile u.s. con APSS i criteri per l’erogazione del bonus stesso.

Secondo quanto stabilito a suo tempo dalla Delibera di Giunta Provinciale n.1551/2020, e dalla L.P: n.3/2020,art.36,comma 3,ai nostri dirigenti viene attribuito un compenso lordo forfettario una tantum compreso fra un minimo di euro 200 ed un massimo di euro 700 elevabili sino a 1200 anche per quel personale che, pur non essendo stato a contatto con pazienti contagiati,è stato impegnato in misura significativa per contrastare l’epidemia, purchè abbia lavorato per almeno 15 giorni anche non consecutivi , nel periodo 17 marzo-31 maggio 2020.

In ogni attività lavorativa conta la capacità organizzativa dei dirigenti e la fidelizzazione del personale che non è possibile con un regime contrattuale improntato sulla precarietà del posto di lavoro.Eppure, senza risorse adeguate,senza informazioni certe,con una grande energia e dedizione, un migliaio di medici dipendenti di APSS hanno fatto l’impossibile,nel periodo sopra citato, armati solo del loro coraggio,della loro abnegazione, del giuramento di Ippocrate.

Alla nostra dirigenza medica, impiegata massicciamente nei Reparti Covid e non; compresa la dirigenza medica che sul nostro territorio si è spesa ed ha prestato la propria attività nel settore del contact tracing,nel monitoraggio e sorveglianza dei pazienti covid a domicilio, nel supportare psicologicamente lo stesso personale sanitario, nel supporto farmacologico delle necessità cliniche delle strutture coinvolte, fino a coloro che hanno programmato e monitorato l’attività laboratoristica, ,dai medici con la “A” come gli anestesisti a quelli con la “U” come gli Urologi,più che offrire un bonus andava eretto un monumento.

Ma accontentiamoci comunque di un segno distintivo recepito da Provincia e datore di lavoro che evidenzia come lo sforzo ed il sacrificio non siano passati inosservati come in tante altre occasioni.

 

*
Dottor Nicola Paoli
Segretario generale Cisl medici del Trentino