VIDEONEWS & sponsored

(in )

CISL – FP / TRENTINO * SETTORE SANITÀ: PALLANCH, « È ARRIVATO IL TEMPO DI INVESTIRE SUL CAPITALE UMANO E DELINEARE UNA RIFORMA CONDIVISA E STRUTTURALE »

“È arrivato il tempo di prendere in considerazione la necessità di investire sul capitale umano e delineare una riforma condivisa e strutturale del settore sanità che sappia investire risorse “. Così Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, che aggiunge: “Questa emergenza Covid-19 evidenzia l’obbligo di dover intervenire in modo profondo per assicurare benessere organizzativo, sviluppo e investimenti”.

Gli operatori impegnati in prima linea ormai da un anno per fronteggiare l’epidemia sono ormai stremati; il sistema, dagli Ospedali alle Apsp, alle strutture socio sanitarie e assitenziali sia pubbliche che private, stanno pagando un prezzo altissimo tra lutti e criticità a livello di struttura: il sindacato di via Degasperi chiede a politica e Apss un grandissimo passo in avanti a livello gestionale. Sugli infortuni da Covid-19 degli operatori, la Cisl Fp ha da tempo affidato ai propri legali la procedura e attivato già una collaborazione tecnico medica con il Patronato Inas della Cisl.

“La richiesta – dice Pallanch – è quella poi di non lasciar sole le famiglie e il personale sanitario e non, che lavorano in prima linea. E’ evidente che si avvicina un punto di non ritorno per il sistema. Se la Provincia e l’Azienda sanitaria non prendono coscienza della necessità di intervenire per valorizzare il capitale umano, il sistema sarà destinato a restare indietro. E’ importante coinvolgere e ascoltare lavoratrici e lavoratori di tutte le professioni sanitarie e non per definire nuovi paradigmi e istituire un osservatorio per il monitoraggio dell’applicazione di linee guida e protocolli”.

Il sindacato di via Degasperi chiede di puntare sull’assunzione di professionisti e presentare un piano strategico coerente e lungimirante. “A oggi – prosegue la Cisl – siamo stati esclusi dai tavoli di confronto con la Giunta, un’assenza di condivisione ma in questo momento si rende necessario affrontare il tema del futuro del comparto e della sanità territoriali. Vogliamo fare responsabilmente la nostra parte per cambiare l’agenda delle priorità per la nostra comunità”.

Un ragionamento della Cisl Fp che supera il momento di stretta emergenza. “Speriamo di poter passare questa fase il più velocemente possibile, ma l’emergenza non finisce con l’epidemia. Il personale è stremato e ci sono da recuperare tutte quelle situazioni differite per affrontare le urgenze. Nessuno sembra considerare questi aspetti: si rende necessario pianificare il futuro del sistema e delineare delle strategie organiche, altrimenti la conclusione del Covid ci lascerà impreparati e saremo travolti dalle incombenze ordinarie che per ora vengono accantonate e troppo spesso dimenticate”, conclude Pallanch.

 

*

Beppe Pallanch

Segretario Generale Cisl Fp Trentino