PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (13ma puntata format Tv)

L’opposizione abbandona l’aula durante l’assestamento, Cia (AGIRE): “Grave gesto che mina la fiducia dei cittadini nella politica”.

L’abbandono dell’aula del Consiglio provinciale durante il voto sull’assestamento di bilancio da parte dell’opposizione rappresenta un grave gesto antidemocratico che rischia di minare definitivamente la fiducia dei cittadini nella politica. Alla luce di certi comportamenti risulta ridicolo l’atteggiamento di chi, per galvanizzare i propri beniamini – pugili suonati appesi alle corde, in attesa del k.o. tecnico –, parla di opposizione “old school”. Non ricordo, nei tanti anni passati all’opposizione, di essermi mai sottratto al mio dovere di Consigliere durante le maratone in Consiglio, facendo sempre sentire la mia voce, argomentando, discutendo e rappresentando fino in fondo i valori in cui credo e per cui sono stato votato.

E’ evidente come l’assenza della diretta video a causa della par-condicio, abbia fatto venire meno il senso della presenza in aula per alcuni consiglieri. A riprova di tale dipendenza da telecamere è da considerare la convocazione di una conferenza stampa all’interno dello stesso palazzo in cui sarebbero chiamati a svolgere la loro funzione di consiglieri. Un gesto irrispettoso nei confronti delle istituzioni, che mostra il vero volto di un’opposizione che più che “responsabile” si dimostra “irresponsabile”. L’ostruzionismo duro e puro si è rivelato per quello che è, un grande bluff: nessuna intenzione di portare a casa miglioramenti costruttivi al documento finale di assestamento del bilancio, ma un atteggiamento distruttivo probabilmente alimentato da chi non ha ancora elaborato il lutto della perdita del potere dopo decenni ininterrotti di dominio politico.

Non sappiamo dove siano andati i consiglieri delle minoranze, probabilmente vista la bella giornata saranno in qualche lido estivo, ma nessun problema: la maggioranza proseguirà con il voto delle migliaia di emendamenti ostruzionistici depositati – a questo punto possiamo dire senza motivo – da chi ha abbandonato l’aula, per arrivare al voto finale e rispondere alle esigenze dei trentini.

Ancora una volta certa politica ha perso una buona occasione. Quella del confronto e del perseguimento dell’interesse generale.

 

*

Cons. Claudio Cia – Segretario Politico di AGIRE per il Trentino