PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

"Il Trentino news" (puntata n° 13)

Taglio delegati regionali per elezione Presidente della Repubblica, Cia (AGIRE): “Campanello d’allarme per la nostra Autonomia”.

Apprendo dalle notizie diramate dal Governo in data odierna che Movimento 5 Stelle e Partito Democratico avrebbero trovato un accordo riguardo alle riforme costituzionali contenute nel documento dello scorso 7 ottobre. All’interno delle quattro riforme, una in particolare ha attirato la mia attenzione, ovverosia quella che riguarda la riduzione del numero di delegati regionali che partecipano all’elezione del Presidente della Repubblica.

Se mai dovesse essere approvata questa riforma, e il Trentino-Alto Adige dovesse quindi perdere un delegato (sul totale di tre attuali), è chiaro che la nostra Autonomia ne risulterebbe fortemente menomata. E’ infatti ormai prassi consolidata che i nostri delegati non votino sulla base del partito di appartenenza, ma si uniscano al voto del Gruppo per le Autonomie, permettendo di individuare un “pacchetto di voti” che spesso è fondamentale per l’elezione del Presidente della Repubblica. Questa collocazione “block frei” dei nostri delegati ci permette poi di andare all’incasso, chiedendo allo Stato di cedere alla nostra Autonomia maggiori competenze ecc.

Oltre a ciò, è da evidenziare come tale riforma, visti i rapporti di forza all’interno del Consiglio regionale, condurrebbe ad un’ulteriore spaccatura nella nostra Regione: con l’Alto Adige a scegliere un delegato del gruppo linguistico tedesco appartenente alla maggioranza e il Trentino costretto a indicarne uno appartenente alla minoranza.

Va poi considerato che spesso in passato la dottrina si è lamentata della scarsa incidenza dei delegati regionali nell’elezione del Presidente della Repubblica. Viene pertanto naturale chiedersi se, alla luce della riforma di taglio dei parlamentari, non sarebbe meglio lasciare invariato il numero dei delegati regionali così da farli contare di più.

Risulta chiaro a tutti quale sia il disegno che muove questa maggioranza centralista: dopo la sonora batosta subita in Umbria e con la maggior parte delle Regioni italiane saldamente in mano al centro-destra (e con nuove elezioni regionali alle porte), ridurre il numero di delegati regionali potrebbe essere un modo per arginare il potere delle Regioni nell’elezione del Presidente della Repubblica.

Ritengo infine che, anche nel caso una tale riforma dovesse realizzarsi, il numero di delegati inviati dal Trentino-Alto Adige dovrebbe rimanere invariato, sia per permettere la partecipazione dell’opposizione, sia per permettere l’adeguata rappresentanza dei tre gruppi linguistici: italiano, ladino e tedesco.

 

*

Cons. Claudio Cia

Segretario Politico di AGIRE per il Trentino e Assessore regionale agli Enti Locali