PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (12ma puntata format Tv)

Apprendo dalla stampa di un comunicato del consigliere provinciale della Lega Devid Moranduzzo che replica – seppur non citandomi – alla recente intervista che ho rilasciato ad un quotidiano locale, nella quale proponevo una riflessione politica, del tutto aperta, sulla possibile figura di candidato alla carica di Sindaco di Trento per le elezioni amministrative del 2020. In sostanza ho dichiarato che se si vuole andare oltre alla somma dei voti di liste territoriali e Lega bisognerà inevitabilmente puntare su una figura di ampio consenso, non targata politicamente: una persona “di area” e non “di partito”.

Nell’articolo che commenta il mio intervento viene ricordato come la discussione sulle candidature sarà portata avanti nella coalizione da un tavolo con i rappresentanti delle varie forze politiche, ma che l’esito sarà favorevole ad una scelta interna, riportando senza necessità di interpretazioni che “il candidato a sindaco della città di Trento sarà un uomo della Lega”. Questo almeno quanto attribuito dai quotidiani a Moranduzzo, che in un virgolettato specifica ulteriormente che: “Con tutto il rispetto per i movimenti politici nostri alleati, da consigliere della Lega e da secondo come preferenze sulla città di Trento, vorrei ricordare che il candidato sindaco sarà espresso dalla Lega”.

Spero si renda conto che da parte delle realtà civiche e territoriali che da anni collaborano con la Lega e l’hanno sostenuta alle elezioni politiche ed europee, non c’è l’ambizione di fungere da semplici comparse o da future figure di sostegno, bensì di essere protagonisti con pari dignità. Se Moranduzzo ha già deciso per la Lega che il candidato sindaco sarà del suo partito, non si vede la necessità di proseguire con tavoli di coalizione per discutere di candidature e conseguentemente di programmi.

L’auspicio è che prevalga un progetto unitario e lungimirante, che consenta di superare visioni partitiche o personalistiche, questo nell’interesse della città di Trento e dei suoi cittadini, ormai sfiancati dall’amministrazione del centrosinistra e in attesa di una vero cambiamento.

Cons. Claudio Cia – Segretario politico di AGIRE per il Trentino