VIDEONEWS & sponsored

(in )

CGIL CISL UIL – TRENTINO * PANDEMIA: « PROVINCIA DI TRENTO ED AZIENDA SANITARIA FACCIANO CHIAREZZA SUL PIANO VACCINALE »

Vaccinazioni. “Provincia e Apss facciano chiarezza sul piano vaccinale”. Dichiarazioni dei segretari generali di CGIL CISL UIL del Trentino, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti.

“L’episodio che ha visto coinvolto uno dei manager di punta dell’Azienda Sanitaria nominato di recente nel suo ruolo dal nuovo direttore generale Benetollo, getta un’ombra sulle strategie vaccinali della Provincia di Trento. Va fatta quindi piena luce su questo increscioso e inaccettabile episodio a partire da un’attenta verifica della sussistenza di altri casi di questo tipo. Sarebbe infatti gravissimo se anche in altre occasioni fosse accaduto che alcuni abbiano potuto accedere alle vaccinazioni anti-Covid solo in virtù di legami di parentela o conoscenza con figure di rilievo della pubblica amministrazione.

Di più, crediamo che sia arrivato il tempo di fare chiarezza sulle strategie vaccinali della Provincia. Dobbiamo essere infatti certi che, finché l’approvvigionamento delle dosi di vaccino non sarà tale da coprire tutti i cittadini interessati, all’immunizzazione siano chiamati in via prioritaria solo le persone fragili e suscettibili agli effetti più drammatici del Covid-19.

Gli sforzi che il nuovo governo nazionale sta mettendo in campo per aumentare la velocità e la portata delle vaccinazione non possono essere vanificati a livello locale da modalità confuse o poco trasparenti nella distribuzione di un presidio sanitario così importante come il vaccino. Ne va dell’efficacia stessa della campagna vaccinale nel riuscire a garantire un’uscita rapida dall’emergenza ed un progressivo ritorno alla normalità”.