News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

CGIL CISL UIL – TRENTINO * LETTERA A PRESIDENTE FUGATTI: « CARO BOLLETTE, CHIEDIAMO UN INCONTRO URGENTE PER MISURE DI SOSTEGNO PROVINCIALI »

Scritto da
17.30 - sabato 19 febbraio 2022

Caro bollette. Cgil Cisl Uil: Serve un intervento urgente della Provincia. Richiesta di incontro alla Giunta. Per i sindacati vanno usate subito le risorse non spese delle manovre Covid per coprire almeno tutti i nuclei che percepiscono l’assegno unico.

Sul caro bollette il Governo Draghi mette in campo un nuovo intervento straordinario di 5,5 miliardi di euro. Quota parte di queste risorse verranno utilizzate anche per sostenere le famiglie più indigenti, rifinanziando i bonus energia anche per il secondo trimestre di quest’anno.

Alla luce delle scelte assunte venerdì dal Consiglio dei Ministri, Cgil Cisl Uil hanno formalizzato una richiesta d’incontro urgente al Presidente Fugatti e al Vicepresidente Tonina per concordare le misure necessarie ad ampliare i sostegni alle famiglie alle prese con l’impennata dei costi di luce e gas. Su un punto i sindacati sono stati chiari con la Provincia: bisogna agire integrando la misura statale e ampliando, dunque, il target di lavoratori e pensionati che può ottenere la riduzione in bolletta.

“Per un intervento straordinario che dia veramente ossigeno alle famiglie si può arrivare a stanziate fino a 30 milioni di euro – incalzano i segretari provinciali Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti -.

Le risorse ci sono: basta utilizzare i fondi straordinari stanziati per lavoratrici e lavoratori con le manovre Covid e mai spesi che ammontano a circa 20 milioni di euro e nei fondi risparmiati dalla Provincia grazie alle nostre proposte su bonus nido e assegno di natalità, che arrivano a circa 10 milioni di euro. Queste risorse devono restare finalizzate al sostegno alla famiglia e considerata l’emergenza bollette vanno utilizzate a ridurre l’impatto del caro energia”.

L’idea del sindacato è arrivare a coprire tutte le famiglie che oggi percepiscono l’assegno unico provinciale, quindi hanno in Icef fino a 0,30, oltre a ripristinare le esenzioni dell’addizionale regionale all’Irpef per i redditi fino a 20mila euro.

“Serve che la Giunta Fugatti ci convochi immediatamente per concordare le misure da adottare il più velocemente possibile. Questo era l’impegno che il governo provinciale si era assunto qualche settimana fa nell’incontro tra noi e Tonina e Spinelli”.

 

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica PDF [85.51 KB]

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.