VIDEONEWS & sponsored

(in )

CGIL CISL UIL – TRENTINO * EMERGENZA COVID: « LA MANOVRA “ RIPARTITRENTINO “ HA STANZIATO 13 MLN, SI APRA IL CONFRONTO SU ASSEGNO UNICO E INTERVENTI PER I NUCLEI FAMILIARI »

Emergenza Covid 19, servono interventi urgenti per le famiglie. Cgil Cisl Uil: la manovra RipartiTrentino ha stanziato 13 milioni di euro. Si apra il confronto su assegno unico e interventi per i nuclei familiari. Fino ad oggi nessuna risposta dalla Giunta.

Sono 13 i milioni di euro che la legge 3/2020, la cosiddetta RipartiTrentino, ha destinato al sostegno delle famiglie. La manovra stanzia 5 milioni di euro per attualizzazione Icef per assegno unico, al fine di ampliare la platea di beneficiari e 8 milioni per il sostegno alle famiglie. Su queste somme Cgil Cisl Uil chiedono di aprire subito un confronto con la Giunta. “Molte famiglie trentine a causa della crisi economica sono già in difficoltà. Cassa integrazione e disoccupazione comprimono il reddito disponibile, e per questa ragione servono interventi urgenti – incalzano i tre segretari generali Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti -. Abbiamo chiesto l’apertura di un tavolo di confronto con l’assessora Segnana e con l’assessore Spinelli una settimana fa. Ad oggi registriamo un silenzio assordante. Non c’è tempo da perdere”.

Sul sostegno alle famiglie, in una fase così delicata e destinata a durare a lungo, non si possono prevedere interventi a spot come quelli varati fino a questo momento. Cgil Cisl Uil sollecitano, dunque, la Giunta ad aprire subito un confronto per condividere le misure più idonee ad aiutare le famiglie in questa fase di difficoltà. e per individuare come semplificare le procedure per l’aggiornamento della dichiarazione Icef, attualizzando l’indicatore sulla base dei nuovi redditi. “Questi passaggi sono indispensabili per arrivare alla definizione degli interventi. Le famiglie hanno bisogno adesso di risposte sul sostegno al reddito, sui servizi di conciliazione, non possiamo permetterci di perdere altro tempo”, concludono i tre segretari generali.