VIDEONEWS & sponsored

(in )

CGIL-CISL MEDICI TRENTINO* LETTERA A ROSSI E ZENI: PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE

Lettera al Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Ugo Rossi; all’Assessore alla Sanità, avv. Luca Zenin; al Commissario del Governo della Provincia di Trento, Pasquale Giuffrè:

Le Organizzazioni Sindacali Intesa Sindacale (Cisl medici-Fp Cgil medici-Simet-Sumai), Snam e Smi riunitesi in Trento il 4 novembre 2017

*verificato
che la Provincia Autonoma di Trento disattende l’Accordo collettivo provinciale 2013 ostacolandone di fatto l’attuazione per una assistenza diffusa ed omogenea sul territorio trentino da attuarsi attraverso le aggregazioni e le associazioni,come previsto anche dalle modifiche intercorse nel 2017

*

vista
la non volontà di sviluppare la residenzialità territoriale attraverso Strutture intermedie affidate alla Medicina generale ma facendo riferimento a personale dipendente per il trattamento post acuzie dei nostri pazienti domiciliabili

*

constatata
una politica tendente alla divisione ed all’opposizione tra il Medico di Medicina Generale e le altre figure professionali sanitarie e dirigenziali che di fatto ci impedisce l’integrazione e la comunione di intenti per il bene dei cittadini, ipotizzando soluzioni di dipendenza dei Medici di Medicina Generale,inadeguata vigilanza dell’APSS nella ricettazione dovuta dagli specialisti e richiesta di compilazione di moduli non contemplati nell’accordo provinciale e nazionale vigenti

*

evidenziato
che dopo quasi quattro anni di discussioni l’ Apss non ha ancora sentito, nonostante la programmazione provinciale, la necessità di proporre alcun progetto alla Medicina generale, nè tanto meno l’Assessorato sbloccare le risorse per i nostri progetti che ammontano ad oltre dieci milioni di euro

*

sottolineato
che la Provincia Autonoma di Trento pretende la nostra firma su un nuovo Accordo ad invarianza di costi lasciando “congelati”i soldi destinati alla parte variabile della nostra attività, pari a circa dieci milioni di euro, dal 2012 ad oggi

*

verificato
che la Provincia Autonoma di Trento non intende proporre alcun aumento ai medici di continuità assistenziale,e di emergenza sanitaria territoriale fermi al 2001,dopo aver dimezzato anche le sedi ed il personale di guardia sul nostro territorio e reso impossibile l’attività in equipe convenzionata per il medico dell’emergenza territoriale

*

proclamano
lo stato di agitazione della Medicina Generale ( assistenza primaria,continuità assistenziale,emergenza sanitaria territoriale) nella Provincia Autonoma di Trento

I Segretari Regionali

 

INTESA SINDACALE-CISL MEDICI

Dott.Nicola Paoli

 

SNAMI

Dott.Nicola Lenti

 

SMI

Dott.Nabil Fattouh