VIDEONEWS & sponsored

(in )

CGIL CISL E UIL – TRENTINO * ANZIANI: « SERVONO MAGGIORI INVESTIMENTI PER SOSTENERE LE FAMIGLIE E SU INVECCHIAMENTO ATTIVO »

Anziani. Servono maggiori investimenti per sostenere le famiglie e su invecchiamento attivo. Dichiarazioni dei segretari generali di CGIL CISL e Uil, Andrea Grosselli Michele Bezzi e Walter Alotti.

La questione dell’invecchiamento della popolazione è una delle sfide più importanti dei prossimi anni anche per il Trentino. Per questo fanno bene i pensionati a chiedere maggiori investimenti sia sul lato della presa in carico pubblica dei bisogni delle famiglie sia su quello dell’invecchimanento attivo come forma di prevenzione e di benessere.

Ma oltre a questo, bisogna puntare sulla qualificazione e sul potenziamenti dei servizi.

In particolare chiediamo da anni che si superi la dicotomia tra sociale e sanitario, anche puntando su innovazione organizzativa e utilizzo diffuso delle nuove tecnologie, a partire dalla condivisione delle banche dati, dicotomia che le sperimentazioni di Spazio Argento purtroppo non risolvono visto che la Provincia non ha saputo confermare una governance che tenesse assieme Apsp, Comunità di Valle e Azienda Sanitaria. Sul tema poi va rilevato che non sia sa bene che tipo di operatività potranno garantire le Comunità di Valle oggi costrette ad un regime di commissariamento.

Va poi fatta una scelta tra sostegni monetari alle famiglie con persone non autosufficienti e servizi: per noi bisogna puntare sui secondi grazie alla voucherizzazione dell’assegno provinciale di cura.

Infine c’è il grande tema di costruire un fondo per la non autosufficienza. Oggi la Regione ha incaricato Pensplan di studiare forme innovative per garantire a tutti i nuclei familiari risorse certe e non residuali per l’assistenza alle persone non autosufficienti, verificando le possibili sinergie tra sistema pubblico e welfare negoziale, anche con il coinvolgimento dei fondi previdenziali e sanitari integrativi territoriali. Anche su questa strada la Provincia di Trento deve investire di più.