START UP TRENTINO: INDAGINE CONTRIBUTI COMUNITARI PAT

Intervista Procuratore regionale Corte Conti dottor Marcovalerio Pozzato

Approda a Riva del Garda (Sala Garda – Palazzo dei Congressi), all’interno del Circuito Danza del Trentino Alto Adige organizzato dal Centro Servizi Culturali S. Chiara, la compagnia EgriBiancoDanza con “DANCE DANCE DANCE”, spettacolo nato da un’idea del coreografo Raphael Bianco, interpretato da Vincenzo Galano. L’appuntamento è per martedì 28 gennaio alle ore 21.

Riprendendo il titolo dell’omonimo romanzo del visionario scrittore giapponese Haruki Murakami, “Dance Dance Dance” è uno spettacolo che si fa portavoce di un messaggio importante, particolarmente positivo in tempi così difficili: danzare ovvero agire, per non ripiegarsi su se stessi, per superare le difficoltà e conquistare nuove dimensioni di esistenza, consapevolezza e pienezza.

Portato sul palco dalla compagnia EgriBiancoDanza, lo spettacolo nasce nel 2012 da una creazione di Raphael Bianco, direttore artistico della compagnia insieme a Susanna Egri, basata sulle musiche di tre fra i più interessanti compositori americani contemporanei: dalla sperimentazione vocale di David Hykes, all’avanguardia di John Cage, fino ad approdare all’eclettismo minimalista di John Adams.

In “Sacred Dance” (danza sacrale) l’attenzione è focalizzata sull’origine sacrale del gesto e della danza in cui si struttura, veicolo fisico e spirituale per comunicare col trascendente, mentre in “Secret Dance” (danza segreta) il gesto viene invece esplorato nel suo aspetto seduttivo. Per concludere “Simply Dance” (semplicemente danza) dove la danza viene presentata nel suo aspetto forse più conosciuto, ovvero come elemento di aggregazione e divertimento.

Un balletto eclettico che intende riaffermare il concetto per il quale la danza è una e si manifesta sotto multiformi aspetti: una danza universale per divertire e comunicare. «Uno spettacolo di danza che ci aiuta a far risaltare o meglio a fa confluire negli altri le emozioni per dare un giusto valore al presente e riuscire a comprendere la chiave di volta per sentirsi totalmente in sintonia con il mondo», ha scritto Michele Olivieri su Danza Effebi.