VIDEONEWS & sponsored

(in )

CAVE TRENTINO: CGIL, CREARE MACRO-LOTTI ANCHE PER LE CONCESSIONI IN ESSERE

(Fonte: Cgil del Trentino) – Cave, macro lotti anche per le concessioni in essere. Marighetti (Fillea): In caso di crisi aziendale può essere una strategia per tutelare l’occupazione.

“La creazione di macro lotti per le nuove concessioni è una scelta attesa perché va nella direzione di superare la frammentarietà delle aziende, ridurre al minimo il tarlo della concorrenza tra imprese a danno dell’intero comparto e può dare risposte importanti sul piano del lavoro, in termini di occupazione, ma anche di sicurezza e tutela della salute dei cavatori”.

Per Fillea Cgil la traduzione concreta di quanto previsto dalla nuova legge sulla cave, dunque, va nella direzione giusta.

“Abbiamo sostenuto questa scelta del legislatore – dice Moreno Marighetti che segue il comparto per Fillea – e dunque riteniamo positivo che si pongano le basi per operare in questa direzione che per noi può favorire anche la ripresa del settore e creare condizioni per uno sviluppo industriale innovativo, migliorando soprattutto le condizioni di lavoro e la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.”.

Per il sindacato la creazione di macro lotti può rappresentare una risposta importante anche nella gestione delle crisi aziendali. “Riuscire ad accorpare i lotti esistenti tra aziende vicine per continuare la coltivazione della cava, quando un’impresa è in crisi può rappresentare una via d’uscita per tutelare l’occupazione – prosegue Marighetti -.

Lo abbiamo proposto anche per l’Industria Italiana Porfidi. In questo caso tra meno di un mese scadrà l’accordo sul part time e si sta lavorando ad una soluzione, compreso l’accorpamento dei lotti e la creazione di un consorzio per salvare i posti di lavoro.

Certo è che applicare la previsione sui macro lotti anche alle concessioni esistenti, magari a fronte di determinate condizioni, potrebbe essere utile per dare risposte ai lavoratori che oggi rischiano di perdere il posto”.

 

 

 

 

 

Foto: archivio Pat