News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

CAVADA (LEGA – TRENTINO) * TRAFFICO: « STAZIONE INTERMODALE DI CAVALESE, UN’OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO VIABILISTICO DELLA VALLE DI FIEMME »

Scritto da
16.25 - venerdì 04 febbraio 2022

Come da sempre ho sostenuto, ritengo importante per risolvere il problema del traffico nelle nostre vallate di Fiemme e Fassa l’utilizzo di soluzioni come il BRT.

Le risorse messe in campo per l’evento Olimpico 2026 sono un’occasione unica dato che si realizzerà, grazie ad un investimento di 6 milioni di euro, la stazione intermodale a Cavalese e i depositi di Predazzo e di Sèn Jan; altri 60 milioni saranno investiti per il parco automezzi, il tutto per garantire soprattutto una mobilita’ anche post Olimpica a vantaggio sia della popolazione valligiana sia dei turisti che frequentano le valli durante la stagione invernale ed estiva.

Per quanto riguarda la stazione di Cavalese ci tengo a sottolineare come questa non sarà una cattedrale nel deserto, anzi sarà un’opera da cui trarranno beneficio tutti dato che è previsto un parcheggio interrato per 130 macchine, una nuova biglietteria, un nuovo bar e soprattutto l’opera porrà particolare attenzione all’impatto ambientale.

La soluzione BRT, come affermato in varie occasioni anche con la presentazione di documenti in Consiglio provinciale, rappresenta un’ottima soluzione dal punto di vista della viabilità.
Un servizio che avrà notevole importanza anche dopo l’evento olimpico dato che, per esempio, ove non possibile prevedere le corsie preferenziali, si prevederà un sistema semaforico che dia la precedenza non solo ai mezzi pubblici ma anche ai mezzi di soccorso (es. ambulanze) per abbassare i tempi di percorrenza verso l’ospedale.

Il BRT può essere considerato un upgrade tecnologico e di servizio nell’ambito del trasporto pubblico locale che verrà realizzato nelle valli di Fiemme e Fassa in vista delle Olimpiadi invernali del 2026. Una soluzione ecologica e a basso impatto ambientale che usa un sistema di trasporto di massa con autobus che viaggiano – dove possibile – su corsie preferenziali, allo scopo di aumentare la rapidità del trasporto su gomma, raggiungendo prestazioni assimilabili a quelle di una metropolitana. A ciò si aggiungerà nei paesi un sistema semaforico che darà la precedenza ai mezzi pubblici.
Non servono nuove infrastrutture viarie, ma un potenziamento di strade esistenti, con allargamenti localizzati della sede stradale e nuove fermate attrezzate. Il tutto usando autobus ecologici e non inquinanti.

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.