Le Fondazioni bancarie: motore di sviluppo, di crescita sociale e di innovazione per l’intero territorio nazionale.

Questo il titolo proposto per l’incontro plenario dedicato agli Organi di Fondazione Caritro, svoltosi nel pomeriggio odierno che ha visto la presenza di ospiti illustri, a partire da prof. Francesco Profumo – Presidente di ACRI, prof. Alessandro Mazzucco – Presidente di Fondazione Cariverona e coordinatore della Consulta del Trivento e prof. Konrad Bergmeister – Presidente della Fondazione Caribz.

A vent’anni dalla promulgazione della “Legge Ciampi” che regolamenta l’attività delle Fondazioni di origine bancaria, il Presidente Mauro Bondi, evidenzia l’importanza e il costante lavoro che le Fondazioni bancarie portano avanti quotidianamente per far crescere la comunità, stimolando e accompagnando la crescita del Terzo settore, attraverso progetti sempre più in rete.

Il format della tavola rotonda, già utilizzata in occasione della presentazione alla cittadinanza dei dati di bilancio, è una modalità utile per affinare le linee guida, innovare e soprattutto per condividere e confrontarsi su temi che Fondazione Caritro svilupperà nei prossimi anni.

Dal 1992 ad oggi, la Fondazione si è impegnata attraverso attività come bandi, impegni diretti e iniziative proprie a supportare svariati progetti all’interno dei suoi settori di intervento: ricerca scientifica e tecnologica (63.467.206 euro), educazione, istruzione e formazione (29.030.910 euro), arte, attività e beni culturali (24.631.803 euro), volontariato, filantropia e beneficenza (14.806.810 euro) per un totale di quasi 132 milioni di euro.

“La missione della Fondazione – dice il Presidente Mauro Bondi – non è solo quello di erogare risorse, bensì quello di sperimentare processi ed essere insieme ad altre realtà del territorio motore dello sviluppo locale. Anche l’Unione Europea suggerisce alle Fondazioni un intervento più attivo e completo nell’economia. Avere un ruolo meramente istituzionale significherebbe fermarsi per paura di fare un salto di qualità, occorre invece riflettere su come innescare veri progetti di sviluppo e di innovazione, invertendo la rotta e puntando sul futuro”.

Il Bando sperimentale ricerca e sviluppo in partnership con la Fondazione Cariverona è l’esempio perfetto se si parla di sinergia tra vari Enti che perseguono obiettivi comuni come la promozione della ricerca scientifica e tecnologica. Altro esempio degno di nota è la costituzione a fine dicembre 2018 della Fondazione per la Valorizzazione della Ricerca Trentina, presieduta dal dott. Stefano Milani, ente strumentale di Fondazione Caritro, fortemente voluto per valorizzare i migliori progetti di ricerca in Trentino nell’ambito della scienza della vita che possano concretizzarsi e trovare il loro spazio all’interno del mercato. Infine ci si è concentrati sulla riforma del Terzo settore e di quelle che saranno le innovazioni e le possibilità di contributo anche per le associazioni locali.