PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Giornata dell'Autonomia (5/9/2019)

- video Tv integrale -

La Stazione Carabinieri di Arco, dipendente dalla Compagnia di Riva del Garda, nell’attuazione di mirati servizi per il contrasto degli stupefacenti con perquisizioni sul posto e domiciliari hanno denunciato 1 uomo per coltivazione di cannabis e segnalato al Commissario del Governo per la Provincia di Trento 7 giovani (di cui 5 provenienti da fuori Provincia) per detenzione di stupefacenti.

L’Arma arcense nello scorso week end e nella giornata di ieri ha lavorato senza sosta eseguendo 8 perquisizioni di iniziativa sequestrando hashish, marjuana e MDMA (cd. ecstasy) in modiche quantità e tali da ritenersi per “uso personale” (complessivamente 3 gr di hashish, 6 gr di marijuana, 2 pasticche di ecstasy) nei confronti di 6 ragazzi ed 1 ragazza dell’età compresa tra i 23 e 37 anni che si trovavano nell’Altogarda per trascorrere qualche giorno di vacanza (tranne 2 ragazzi che sono arcensi e colti in possesso di hashish e marijuana).

Ieri mattina i Carabinieri hanno bussato alla porta di un uomo arcense di anni 50, già noto per alcuni trascorsi legati al mondo delle sostanze proibite, ove all’esito della perquisizione sequestravano 3 piante di cannabis della qualità FRISIAN DUCK e COOKIES KUSH (trattasi di sementi selezionati – 5 semi al costo di € 20 – geneticamente modificati per concentrare il principio attivo e dare un particolare gusto al prodotto finale) dell’altezza di cm.15; 2,5 gr di infiorescenze essiccate, materiale per la preparazione e consumo di crack (procedimento per trasformare la cocaina in cristalli per poi fumarli) deferendolo alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto (TN).

L’attività di controllo dei Carabinieri di Arco è stata rivolta ai luoghi di aggregazione del mondo giovanile dell’area urbana e periferica della giurisdizione nell’arco serale/notturno controllando 15 mezzi e 46 persone, effettuando in totale 23 perquisizioni (di cui 4 nei confronti di minori).
Ora le sostanze saranno inviate al LASS (laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti) di Laives per le analisi e constatarne il principio attivo.