I RUOLI DELLA "PROCURA“ E "SEZIONE CONTROLLO"

 

Intervista a Marcovalerio Pozzato - Procuratore Corte dei Conti Trento

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Riva del Garda, nel pomeriggio di lunedì scorso, hanno arrestato 1 cittadino albanese CL. 91, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, impegnati in un normale servizio di controllo alla circolazione stradale, nel comune di DRO, sulla Strada Statale 45bis, fermavano una Renault Clio intestata ad una donna residente in Val Di Non, ma occupata da due cittadini albanesi entrambi ventottenni.

Inizialmente verificata la regolarità dei documenti di soggiorno dei due giovani, entrambi residenti nella provincia di Trento, i Carabinieri venivano insospettiti dal loro atteggiamento circospetto. Avendo notato che, prima di fermare l’autovettura, il passeggero aveva estratto un pacco dal suo zaino nascondendolo sotto il sedile, procedevano a perquisire l’autovettura.

Proprio sotto il sedile del passeggero veniva trovato un involucro in plastica che è poi stato accertato contenere circa mezzo chilo di marijuana. Venivano poi trovate anche bustine in plastica utilizzate per confezionare singole dosi di stupefacente.

La perquisizione personale portava al sequestro di ulteriore stupefacente in dosso al passeggero, mentre il conducente dell’autovettura risultava avere in dosso una dose di hashish.
Visto quanto sequestrato, il passeggero dell’auto veniva arrestato nella flagranza del reato di cui all’art. 73 D.P.R. 309/90, mentre il conducente è stato segnalato al Commissariato del Governo di Trento.

L’arrestato, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto (TN) Dott. Fabrizio DE ANGELIS, titolare dell’inchiesta, veniva quindi posto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza che ha convalidato l’arresto, celebratasi nella giornata di oggi 2 ottobre.