VIDEONEWS & sponsored

(in )

#CAMBIAILVOLONTARIATO: ZENI, AUTONOMIA È ESSERE IN RELAZIONE TRA LE PERSONE

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Oggi l’assessore alla salute e politiche sociali è intervenuto alla Festa al Volo #cambiailvolontariato. Zeni: “L’Autonomia è nella capacità delle persone di essere in relazione”

“Discutiamo spesso di Autonomia, ma io credo che l’Autonomia stia qui, nella capacità delle persone di essere in relazione”.

L’assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni ha voluto salutare così il variegato mondo del Terzo Settore, riunito oggi a Trento Fiere per la “Festa al Volo”.

Dopo il momento di riflessione aperto ieri dalle parole del sottosegretario Luigi Bobba, nel convegno promosso dalla Provincia a Sala Depero, oggi spazio alla vera e propria festa organizzata da Non Profit Network – Csv Trentino, con workshop, seminari, dibattiti, stand ma anche cibo, musica e innovazione.

L’assessore è intervenuto ai lavori del workshop “Presente e futuro del terzo settore: l’anno zero della riforma”, che aveva come obiettivo quello di fornire al mondo associazionistico, con l’aiuto di esperti e professionisti a livello nazionale, alcune linee guida per affrontare il cambiamento, che in diversi aspetti coinvolgerà anche la gestione delle organizzazioni.

Accanto a Zeni vi erano anche Giorgio Casagranda, presidente di Non Profit Network – Csv Trentino, e Michele Iori, presidente di Fondazione Caritro.

“Ieri abbiamo avuto modo di parlare del Terzo Settore in modo approfondito grazie anche alla presenza del sottosegretario Luigi Bobba – ha proseguito l’assessore Zeni -.

La Legge 106 infatti introduce obiettivi importanti e condivisibili, ovvero riordina un sistema pubblico privato che rischiava di essere frammentato; alcuni decreti attuativi sono già stati emanati e altri arriveranno.

Come Provincia stiamo osservando con attenzione questi cambiamenti, perché siamo consapevoli, in un mondo che cambia continuamento, che anche e soprattutto il Terzo Settore abbia la necessità di una rivisitazione.

Il Trentino è toccato in modo diretto da questa riforma, per questo, ribadisco, stiamo analizzando gli sviluppi con un approccio attento e positivo e se ravviseremo miglioramenti, sarà nostra cura segnalarli.

Il sottosegretario – ha infine concluso l’assessore – ci ha detto che si è ispirato anche al nostro modello, dove il Terzo Settore è storicamente radicato e vivo, come testimoniato dalla presenza di associazioni non profit al di sopra della media italiana, sintomo di una grande capacità di coinvolgere dei nostri oltre 100.000 volontari”.

Il momento di confronto è proseguito con gli interventi di Antonio Fici, professore di diritto privato presso l’Università del Molise e consulente del Ministero del lavoro e delle politiche sociali in tema di riforma del Terzo settore, che ha spiegato cosa cambia per il Terzo Settore dandone una definizione precisa e spiegando le diverse categorie di enti che la riforma prevede.

Quindi Carlo Mazzini, consulente sulla legislazione e sulla fiscalità degli enti non profit, che scrive anche per il Sole 24 Ore, ha spiegato il regime fiscale; mentre Marta Saccaro, commercialista ed esperta sulla fiscalità degli enti non profit, editorialista de Il Sole 24 Ore ha parlato dei nuovi obblighi di rendicontazione economica e sociale; a moderare Elena Zanella, fundraiser e consulente per il fundraising, la comunicazione e il marketing degli enti non profit.

La Festa al Volo è organizzata da Non Profit Network Csv Trentino, in collaborazione con Provincia autonoma di Trento, Itas Mutua, Comune di Trento, Cnca Trentino Alto Adige, Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale e Co.Ge Trentino.

 

 

 

 

 

 

Foto: da comunicato stampa