VIDEONEWS & sponsored

(in )

CAMBIARE LA P.A: PAT, DA DOMANI A TRENTO LA SFIDA TRA I SVILUPPATORI DI SOFTWARE

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Cambia la pubblica amministrazione, si riavvia il sistema Paese. 7 e 8 ottobre: anche il Trentino protagonista della maratona promossa dal Team Digitale.

Un fine settimana dedicato a trovare soluzioni per realizzare una pubblica amministrazione a misura di cittadino.

Questa la sfida lanciata dal Team per la Trasformazione Digitale, che ha chiamato a raccolta il 7 e 8 ottobre sviluppatori software ed esperti informatici su tutto il territorio italiano per rispondere alle necessità sempre più impellenti di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione italiana.

Ed il Trentino ha raccolto questa sfida, candidando Trento come una tra le 24 città italiane che ospitano il più grande hackathon mai realizzato in Italia.

Obiettivo della maratona di 48 ore, che a Trento è ospitata presso gli spazi di Impact Hub, è quello di rendere i servizi pubblici più accessibili, più semplici e più efficaci.

L’organizzazione dell’evento a Trento, ospitato presso gli spazi di Impact Hub (in via Sanseverino 95), è guidata da Speck&tech (community di startupper, studenti e giovani professionisti che vivono in Trentino e sono affascinati dalla tecnologia), con il supporto anche di Informatica Trentina nel suo ruolo di affiancamento dei processi di digitalizzazione della pubblica amministrazione e in qualità di partner di Urban Inno, progetto europeo che mira ad innovare e rendere più competitiva l’Europa a partire dal potenziale innovativo degli ecosistemi urbani di piccole e medie dimensioni.

Sul sito hack.developers.italia.it sono disponibili le challenge e tutte le informazioni per chi è interessato a partecipare.

Le sfide sono numerose e di diversa difficoltà: possono riguardare sia la risoluzione di un piccolo bug grafico in un portale pubblico che la creazione di funzionalità più complesse.

Tutto quello che verrà proposto e realizzato durante la due giorni dovrà essere rilasciato con licenza open source e reso disponibile a tutta la comunità.

Ma, soprattutto, dovrà aiutare la pubblica amministrazione italiana ad utilizzare in modo sempre più efficiente le tecnologie necessarie alla digitalizzazione del sistema Paese.

 

 

*

Tanti gli argomenti trattati. Solo per citarne alcuni:

– il Sistema Pubblico di Identità Digitale – Spid, promosso dal governo per accedere ai servizi online di tutta la pubblica amministrazione italiana con un’unica identità digitale. La Provincia autonoma di Trento ha aderito a Spid nel dicembre del 2016, per consentire l’accesso ai propri servizi online sia con la Carta Provinciale dei Servizi che con Spid.

Con l’adesione a Spid, la Provincia si propone anche come intermediario tecnologico, ovvero mette a disposizione degli enti del territorio la piattaforma centralizzata realizzata con Informatica Trentina per l’accesso ai servizi online, una piattaforma condivisa e unica per tutti gli enti trentini;

– l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, un’unica anagrafe centrale che mantiene tutte le informazioni aggiornate;

– PagoPA, il nodo unico attraverso cui il cittadino può effettuare un pagamento verso una pubblica amministrazione. Anche in questo caso, la Provincia autonoma di Trento, con il supporto di Informatica Trentina, ha sviluppato una soluzione da mettere a disposizione degli enti del territorio;

– Dati.Gov.It, la piattaforma per i dati aperti delle pubbliche amministrazioni italiane. Il sistema trentino alimenta tale piattaforma tramite il catalogo trentino degli open data, avviato in Provincia sin dal 2012, che è oggi ai primi posti in Europa per qualità e numero di dataset pubblicati: più di 6.000, dei quali oltre il 60% provenienti dai comuni trentini.

I partecipanti alla maratona (sviluppatori software, esperti It e anche studenti) potranno dare il loro contributo mettendo a disposizione talento, conoscenze, idee.

L’hackathon sarà anche l’occasione per approfondire e prendere familiarità con le tecnologie centrali per la pubblica amministrazione italiana del futuro. I partecipanti, in particolare imprese e start up, potranno quindi acquisire conoscenze e informazioni utili per realizzare anche in futuro progetti proprio con la Pubblica Amministrazione.

 

 

 

Immagine: da comunicato stampa