VIDEONEWS & sponsored

(in )

BIANCOFIORE* SCHEDATURA BIMBI: ESPOSTO IMMEDIATO AL GARANTE DELLA PRIVACY E ALL’UNAR, IL CASO IN EUROPA

Biancofiore -Fi- Schedatura bimbi: Esposto immediato al garante della privacy e all’Unar. Il caso in Europa. Nella settimana della violenza e dunque della discriminazione sulle donne, nello splendido Alto Adige si pensa bene di spingersi all’obbrobrio immorale di arrivare alla vile discriminazione etnica dei bambini.

Ignobile, a dir poco la mozione approvata in consiglio provinciale col chiaro fine di un’escalation di lotta etnica a fini politici, alla vigilia delle elezioni nazionali- utilizzando i bambini.

Volendoli separare fin dai primi passi scolastici , per evitare qualsiasi integrazione e dunque ogni futura reale convivenza.Un avergogna inaudita sulla quale spero si indigni l’Italia intera.

Non bastava alla Svp e company lo sfregio della storia domenica scorsa con il bassorilievo di Piffraider , c’è l’assoluta continua asfissiante infinita pulsione, da una certa parte retrogada tedesca a cancellare tutto ciò che ha identità italiana.

Procederò all’immediato esposto al garante della privacy e all’inutile – fin’ora ufficio nazionale Anti discriminazioni razziali che funzionava solo quando la delega per le pari opportunità era in mano ad un ministro serio, robusto e capace del governo Berlusconi, come Mara Carfagna- non a caso impegnata anche in queste ore nella assidua costante lotta alla violenza sulle donne e tutte le discriminazioni. Contestualmente porterò il caso in Europa, fortuitamente oggi in Trentino.

 

Michaela Biancofiore
parlamentare Fi e Coordinatore regionale del Trentino Alto Adige