VIDEONEWS & sponsored

(in )

AZIONE * AMMINISTRATORI LOCALI: « IL SINDACO DI LAVARONE ISACCO CORRADI ENTRA NELLA NOSTRA FORMAZIONE, È ESPRESSIONE DELLA POLITICA PIÙ VICINA AI CITTADINI »

Comunicato stampa: il Sindaco Isacco Corradi entra in Azione. Azione ritiene fondamentale che al centro della scena politica vi sia il concetto di buona amministrazione e per questo motivo accoglie con grandissimo piacere tra le sue fila Isacco Corradi, giovane sindaco del comune di Lavarone. I sindaci sono l’espressione della politica più vicina ai cittadini, quelli che meglio riescono a cogliere le istanze e le necessità dei propri territori.

Il sindaco Corradi ha dimostrato non solo di essere un ottimo portavoce per i propri concittadini ma ha anche dimostrato di essere capace di azioni incisive al servizio della propria comunità e per questa ragione siamo entusiasti della sua adesione.

Di seguito la sua dichiarazione:

“Non ho mai aderito ad un partito prima d’ora pur collocandomi idealmente e per conciliabilità con i miei valori nel centro sinistra. In questo momento difficile per tutto il Paese ho riconosciuto una unica voce coerente, capace di offrire soluzione concrete senza mai urlare solamente ai problemi: quella di Azione.

Le voci di Calenda e Richetti hanno sempre cercato, in questa fase complessa, di mantenere una posizione moderata e lontana dalle facili, e inutili aggiungerei, polemiche. Hanno invece cercato sempre di offrire critiche circostanziate corredate di una soluzione plausibile ed efficace al problema. Ritengo che questo sia lo spirito della politica. Dare risposte concrete ai propri concittadini. Impegno che come sindaco cerco di portare avanti ogni giorno. Mancava da tempo nel panorama politico italiano, ma anche trentino, una forza che rivolgesse la sua attenzione ai bisogni dei cittadini offrendo veramente delle soluzioni e che mettesse al centro della propria attenzione la buona amministrazione.

Tuttavia questa epidemia ha evidenziato dei grossi problemi strutturali nel nostro Paese, in particolare la comunicazione tra le varie istituzioni. Un problema che ho sentito particolarmente da sindaco con le decisioni, anche a livello provinciale, che sono state prese senza prima consultarci e senza tenere conto delle specificità dei territori. Ritengo che in questioni così delicate la capacità di ascoltare le istanze delle comunità sia fondamentale e che questo tipo di rapporti tra istituzioni vada ricostruito e rafforzato.

Un ringraziamento infine va a Massimiliano Mazzarella, Laura Scalfi e Mario Raffaelli per avermi accolto così calorosamente in Azione oltre ovviamente a Carlo Calenda e Matteo Richetti per il loro impegno in questo difficile ma bellissimo percorso.”