La Vallagarina ha scelto la Vallagarina. Tutti i sindaci e le associazioni di categoria della Vallagarina hanno detto convintamente e all’unanimità sì alla richiesta di ambito a sé per Rovereto e Vallagarina.

L’assemblea dei soci dell’Apt Rovereto e Vallagarina aveva, all’ordine del giorno, la discussione della riforma delle Apt che arriverà in Consiglio provinciale tra meno di un mese.

Un dibattito intenso e partecipato quello proposto dal presidente Giulio Prosser, alla presenza dei sindaci e dei rappresentanti delle categorie economiche che hanno convintamente sottolineato la volontà di mantenere la Vallagarina come ambito a sé, senza essere accorpato ad altri territori. “Non si tratta di campanilismo o di una presa di posizione a priori -ha introdotto il presidente- il nostro è un territorio unico nel suo genere, con peculiarità molto specifiche, che ospita la seconda città del Trentino. Dobbiamo credere nelle potenzialità turistiche del nostro ambito che, proprio per le sue diversità, si caratterizza per un ventaglio di offerta assolutamente unico ed esclusivo. Abbiamo molto da raccontare e, attraverso le nostre ricchezze artistiche, culturali, enogastronomiche e ambientali, possiamo regalare delle emozioni importanti ad ospiti e visitatori. Abbiamo il dovere, anche morale, di custodire con fierezza questo nostro patrimonio”.

Infine il presidente ha sottolineato il proficuo lavoro portato avanti negli anni anche dalle aziende di promozione turistica considerate “minori”, un lavoro certosino costruito nel tempo, che oggi permette di offrire all’ospite una varietà di esperienze uniche alla scoperta degli angoli meno noti del territorio.

A seguire ha preso la parola il sindaco di Rovereto Francesco Valduga in un articolato intervento ha sottolineato che i Comuni della Vallagarina hanno riconosciuto che l’ambito a sé è fondamentale. Posizione che è già stata ribadita anche nel corso dell’ultima seduta del Consiglio delle Autonomie a Trento. Ragionando sul futuro, Valduga ha messo in evidenza che se l’ambito resterà, il Comune di Rovereto farà la sua parte in tutti i modi per sostenere l’Apt. Sarebbero auspicabili – ha fatto notare Valduga – lo sviluppo delle agenzie di prodotto. Puntiamo prima di tutto al mantenimento dell’ambito, tutti stiamo andando in quella direzione.

Il sindaco di Ala Claudio Soini ha sottolineato che c’è tutta la volontà mantenere l’ambito ed ha ricordato gli ottimi risultati portati a casa negli ultimi anni dall’Apt Rovereto e Vallagarina, che ha puntato su cultura, distretto enogastronomico e mtb per promuovere il territorio con risultati eccellenti.

Il sindaco di Brentonico Christian Perenzoni ha espresso, come rappresentate dei sindaci in seno all’Apt, la volontà di tutti i Comuni di portare avanti l’ambito. “Come sindaco di Brentonico – ha detto – ho promosso un dialogo sia con la Vallagarina che con l’Alto Garda, ma alla fine la decisione è stata quella di non abbandonare l’ambito che all’altopiano ha portato tanti fruttuosi risultati con grande successo per la promozione invernale ed estiva”. Quindi l’esortazione a mantenere l’ambito e far andare al meglio l’Apt.

Mauro Nardelli, presidente Asat per Rovereto e la Vallagarina ha proposto alcuni ragionamenti sotolineando la necessità di un confronto puntuale sul tema delle risorse finanziarie che nella nuova proposta di legge prevedono il 51% di finanziamenti privati e il 49% di finanziamenti pubblici a partire dal 2021. “Bisogna lavorare – ha detto Nardelli – per individuare un soggetto giuridico e di un relativo modello e struttura organizzativo diverso in grado di garantire adeguati livelli di competitività e di crescita economica del territorio. Serve -ha detto- un modello innovativo di Apt da lasciare alle future generazioni di operatori e amministratori”. In conclusione, a nome di Asat, Nardelli ha lanciato la proposta di un gruppo di lavoro ristretto tra i soci Apt composto dalle associazioni di categoria, una rappresentanza dei Sindaci al presidente Apt e da due esperti di business plan che portino in assemblea una proposta concreta per la governance e la struttura della nuova Apt.

Marco Fonatanari presidente di Confcommercio per Rovereto e la Vallagarina ha ricordato il legame che ha con l’Apt, essendone stato presidente e promotore. L’azienda per il turismo ha saputo in questi anni intercettare bisogni e opportunità. Ha quindi rimarcato alcuni aspetti positivi della riforma sul turismo, sottolineando poi una riflessione maturata nel tempo a favore del mantenimento dell’ambito con sindaci e stakeholders sul riconoscimento dell’ambito per la Vallagarina. “Bisognerà puntare su strategie forti e prodotti innovativi -ha evidenziato- per raggiungere gli obiettivi e soprattutto per trovare nuove risorse per la nuova Apt. Non sarà facile la sfida di trovare un equilibrio tra risorse pubbliche e private, secondo la logica del 49%-51%, ma sicuramente gli imprenditori del territorio non faranno mancare il loro apporto in termini di idee e di finanziamenti”.

I sindaci infine all’unanimità hanno condiviso la proposta con mandato ufficiale al presidente Prosser di procedere con la proposta di ambito unico per Rovereto e la Vallagarina.