VIDEONEWS & sponsored

(in )

ATLANTIA * CDA – ESERCIZIO 2020: « CONCESSA PROROGA AL 24 FEBBRAIO A CDP, BLACKSTONE E MACQUARIE PER PRESENTARE OFFERTA VINCOLANTE PER L’88% DI ASPI / RICAVI OPERATIVI A 8,2 MLD »

Il Consiglio di Amministrazione di Atlantia, riunitosi in data odierna, ha esaminato la richiesta pervenuta da CDP Equity S.p.A., Blackstone Infrastructure Advisors LLC e Macquarie Infrastructure and Real Assets (Europe) Limited (“Consorzio CDP”) in data 31 gennaio, e reiterata il successivo 3 febbraio, di una proroga dei termini per la presentazione dell’offerta relativa all’acquisto dell’88% del capitale di Autostrade per l’Italia S.p.A..

Il Consiglio ha accolto la richiesta del Consorzio CDP manifestando la propria disponibilità alla concessione della proroga sino al 24 febbraio 2021 e richiedendo che, entro la medesima data, il Consorzio CDP presenti un’offerta vincolante e non soggetta a condizioni di sindacazione o finanziamento.

 

*

DATI CONSOLIDATI PRELIMINARI PER L’ESERCIZIO 2020

• Traffico autostradale: -27,3% in Italia, -30,8% in Spagna, -24,6% in Francia, -26,3% in Cile, -8,8% in Brasile e -12,0% in Messico

• Traffico aeroportuale: -76,8% Aeroporti di Roma, -68,4% Aéroports de la Côte d’Azur

• Ricavi operativi pari a circa 8,2 miliardi di euro (11,6 miliardi di euro nel 2019)

• EBITDA pari a circa 3,7 miliardi di euro (5,7 miliardi di euro nel 2019)

• Cash flow operativo (FFO) pari a circa 2,3 miliardi di euro (5,0 miliardi di euro nel 2019)

•Investimenti operativi pari a circa 1,5 miliardi di euro (con un rallentamento di 0,3 miliardi di euro rispetto al 2019)

• Indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2020 pari a circa 39,1 miliardi di euro, in aumento di 2.4 miliardi di euro rispetto al 31 dicembre 2019 essenzialmente per gli effetti connessi alle acquisizioni da parte di Abertis sia del gruppo messicano Red Carreteras de Occidente (RCO) e di Elizabeth River Crossings (ERC) in USA

• Finalizzate emissioni sui mercati dei capitali internazionali per complessivi 8,2 miliardi di euro tra gennaio 2020 e gennaio 2021 da parte delle principali società del Gruppo Atlantia

• Circa 8,6 miliardi di euro la liquidità disponibile del Gruppo a fine 2020 (5,2 miliardi di euro al 31 dicembre 2019)

Il Consiglio di Amministrazione di Atlantia S.p.A., riunitosi oggi sotto la presidenza del Dott. Fabio Cerchiai, ha esaminato i risultati preliminari( ) dell’esercizio 2020 del Gruppo Atlantia.
Come anticipato nelle comunicazioni finanziarie trimestrali del 2020, i risultati preliminari dell’esercizio 2020 risentono dell’impatto del Covid-19 sui volumi di traffico delle concessionarie del Gruppo, parzialmente mitigato dalle azioni avviate per contenere i costi e rimodulare la tempistica degli investimenti. I risultati dell’esercizio recepiscono inoltre gli ulteriori impegni assunti da Autostrade per l’Italia nell’ultima proposta transattiva definita con il Concedente nel corso del 2020 (per complessivi 3,4 miliardi di euro) volta alla chiusura delle contestazioni avanzate ad esito dell’incidente di Genova nel 2018.

Il perimetro di consolidamento include il gruppo RCO in Messico, a partire da maggio 2020, ed ERC, a partire da fine dicembre 2020, mentre a fine 2019 era scaduta la concessione di Aumar in Spagna.

I dati relativi all’andamento del traffico sulle reti autostradali del Gruppo mostrano un calo del 27,3% in Italia, 30,8% in Spagna, 24,6% in Francia, 26,3% in Cile, 8,8% in Brasile e 12,0% in Messico.

Il traffico aeroportuale mostra un calo del 76,8% per Aeroporti di Roma e del 68,4% per Aéroports de la Côte d’Azur.
A seguito dell’andamento del traffico, il Gruppo stima per l’esercizio 2020 ricavi per circa 8,2 miliardi di euro, rispetto agli 11,6 miliardi registrati nel 2019, e un margine operativo lordo (EBITDA) pari a circa 3,7 miliardi di euro, in calo di circa 2,0 miliardi rispetto al 2019.

In particolare, la contrazione dell’EBITDA è originata dall’andamento del traffico nel 2020 (2,8 miliardi di euro di minori ricavi), nonché dai maggiori oneri di manutenzione sostenuti da Autostrade per l’Italia (0,2 miliardi di euro) parzialmente mitigata da misure di riduzione dei costi di gestione messe in atto dalle diverse società del gruppo in risposta agli effetti della pandemia al netto degli accantonamenti ai fondi rilevati, in misura maggiore nel 2019 rispetto al 2020, anche con riferimento ai citati impegni assunti da Autostrade per l’Italia.
Il cash flow operativo (FFO) è stimato intorno a 2,3 miliardi di euro rispetto ai 5,0 miliardi di euro del 2019, risentendo, oltre che degli impatti già citati, di maggiori oneri finanziari sostenuti nel 2020. Gli investimenti operativi, pari nel 2020 a circa 1,5 miliardi di euro, mostrano un rallentamento di 0,3 miliardi di euro rispetto al 2019.

Agli impegni di investimento assunti dalle concessionarie del Gruppo corrisponde un’adeguata disponibilità di risorse finanziarie, rafforzata da emissioni sui mercati dei capitali internazionali tra gennaio 2020 e gennaio 2021 per complessivi 8,2 miliardi di euro.

L’indebitamento finanziario netto del Gruppo al 31 dicembre 2020 è stimato pari a 39,1 miliardi di euro( ), con un incremento di 2,4 miliardi di euro pari a circa +6% rispetto al 31 dicembre 2019, principalmente per effetto del consolidamento del gruppo RCO in Messico e di ERC in USA per complessivi 4,7 miliardi di euro.
Complessivamente, a fine 2020 il Gruppo Atlantia dispone di circa 8,6 miliardi di euro di riserve di liquidità.

* * *

Il contenuto e il significato delle misure di risultato non‐GAAP e degli altri indicatori alternativi di performance è spiegato nelle note metodologiche di seguito riportate, in linea con gli Orientamenti dell’ESMA sugli Indicatori Alternativi di Performance (Orientamenti ESMA/2015/1415) pubblicati in data 5 ottobre 2015.

La posizione finanziaria del Gruppo, determinata secondi i criteri indicati nella Raccomandazione dell’European Securities and Market Authority – ESMA del 20 marzo 2013 (che non prevedono la deduzione dall’indebitamento finanziario delle attività finanziarie non correnti), presenta al 31 dicembre 2020 un indebitamento finanziario netto complessivo pari a 43,8 miliardi di euro (41,5 miliardi di euro al 31 dicembre 2019).

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Ing. Tiziano Ceccarani, dichiara ai sensi del comma 2 dell’art. 154-bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

Note metodologiche

Premessa
I principi contabili internazionali (IFRS) adottati per la predisposizione dei dati preliminari al 31 dicembre 2020 non presentano variazioni di rilievo rispetto a quelli applicati ai fini della Relazione finanziaria annuale 2019.

Indicatori Alternativi di Performance
Le performance del Gruppo sono valutate sulla base di alcuni Indicatori Alternativi di Performance (“IAP”) elaborati in coerenza con quanto già riportato nella Relazione finanziaria annuale 2019 del Gruppo, cui si rimanda. Come richiesto dalla Comunicazione Consob del 3 dicembre 2015, che recepisce in Italia gli orientamenti sugli IAP emessi dall’European Securities and Markets Authority (ESMA), di seguito è descritta la composizione di ciascun indicatore, in linea con le precedenti comunicazioni dei risultati consolidati:

• “Ricavi operativi”: includono i ricavi da pedaggio, i ricavi per servizi aeronautici e gli altri ricavi operativi e si differenziano dai ricavi del prospetto di conto economico ufficiale consolidato in quanto nel prospetto riclassificato i ricavi per servizi di costruzione, rilevati ai sensi dell’IFRIC 12, a fronte dei costi per materie prime e materiali, dei costi per servizi, del costo per il personale, degli altri costi operativi e degli oneri finanziari relativi a servizi di costruzione, sono presentati a riduzione delle rispettive voci dei costi operativi e degli oneri finanziari;

• “Margine operativo lordo (EBITDA)”: è l’indicatore sintetico della redditività lorda derivante dalla gestione operativa, determinato sottraendo dai ricavi operativi i costi operativi, ad eccezione di ammortamenti, svalutazioni e ripristini di valore, accantonamenti al fondo rinnovo dei beni in concessione e gli altri stanziamenti rettificativi;

• “Capitale investito netto”: espone l’ammontare complessivo delle attività di natura non finanziaria, al netto delle passività di natura non finanziaria;

• “Indebitamento finanziario netto”: rappresenta l’indicatore della quota del capitale investito netto coperta attraverso passività nette di natura finanziaria, che comprendono le “Passività finanziarie correnti e non correnti”, al netto delle “Attività finanziarie correnti e non correnti” e delle “Disponibilità liquide e mezzi equivalenti”;

• “Investimenti operativi”: rappresenta l’indicatore degli investimenti complessivi connessi allo sviluppo dei business del Gruppo Atlantia rappresentati nei flussi finanziari per investimenti nelle attività materiali, in concessione e in altri beni immateriali, non includendo pertanto gli investimenti in partecipazioni;

• “FFO-Cash Flow Operativo”: è l’indicatore dei flussi finanziari generati o assorbiti dalla gestione operativa. L’FFO-Cash Flow Operativo è determinato come: utile dell’esercizio + ammortamenti +/- svalutazioni/ripristini di valore di attività + accantonamenti di fondi – rilasci per eccedenze e utilizzi di fondi operativi + altri stanziamenti rettificativi + oneri finanziari da attualizzazione di fondi + dividendi percepiti da partecipazioni contabilizzate in base al metodo del patrimonio netto +/- quota di perdita/utile di partecipazioni contabilizzate in base al metodo del patrimonio netto rilevata nel conto economico +/- minusvalenze/plusvalenze da cessione di attività +/- altri oneri/proventi non monetari +/- imposte differite/anticipate rilevate nel conto economico.