VIDEONEWS & sponsored

(in )

ASSOCIAZIONE TRANSDOLOMITES * MOBILITÀ PUBBLICA: GIRARDI, « ATTIVARE IL SERVIZIO CITYBUS CENTRO-FASSA CON CADENZAMENTO AI 30 MINUTI PER COPRIRE I BUCHI DI SAD E TRENTINO TRASPORTI »

Alcuni anni fa , Transdolomites propose ai Comuni di Pozza e Vigo di Fassa di riflettere sulle opportunità e necessità di attivare nel Centro Fassa un servizio di Citybus a disposizione dei residenti e dei turisti. ( allegato la rassegna stampa del 2017).

Nei giorni scorsi in occasione di una pubblica serata il comune di Sèn Jan di Fassa ha presentato il progetto di mobilità per il centro Fassa e ci rallegriamo del fatto che all’interno di questo progetto la proposta di Transdolimtes sia stata recepita positivamente e fatta propria dagli Enti locali. Si tratta di un primo passo che ora necessiterà del fatto di fare la dovuta esperienza.

Sin da ora proponiamo di guardare più in avanti per far crescere questo progetto prima di tutto tra la popolazione residente e con l’auspicio che si possa concretizzare anche in altre zone della valle di Fassa ad es. tra Canazei, Alba, Penia, Campitello e frazioni e Moena -Soraga con le rispettive frazioni.

Maggiori servizi di mobilità se ben organizzarti e ben comunicati possono permettere di ridurre la necessità di realizzare nuovi parcheggi, togliere traffico dalle strade e ridurre il consumo di suolo nel fondovalle.

Quali passi successivi proponiamo? Rendere attivo su tutti e dodici i mesi il servizio di citybus Centro-Fassa con un cadenzamento ai 30 minuti, con un orario studiato per coprire i buchi di SAD e Trentino Trasporti.

Far sì che come documento di viaggio sia valida la card di Trentino Trasporti e che in contemporanea si lavori per far sì che anche che la card sudtirolese Südtirol Pass sia resa valida per i residenti di Fiemme e Fassa e sulle tratte tra Pera e Bolzano e Cavalese-Ora.

Tornando al servizio annuale , ricordiamo che in Trentino e Sudtirolo vi sono più esempi di servizi di citybus attivi tutto l’anno ( a Malles , Val Venosta il servizio di navette è attivo sino circa le ore 2 del mattino) ed è fondamentale che questi servizi siano percepiti non solo come una opportunità per il turista ma soprattutto come una scelta che si rivolge ai residenti.

L’attivazione del progetto mobilità Centro Fassa che poi coinvolge giustamente anche gli operatori degli impianti a fune , dovrebbe far riflettere sulla necessità di rafforzare i servizi di mobilità nei territori che si travano ai piedi del gruppo del Catinaccio-Rosengarten.

Rimettiamo sul tavolo allora un’altra nostra proposta degli anni passati , ossia il Rosengarten Bus che serva il Centro Fassa, Nova Levante e la zona di Tires.
In estate qui vengono riscontrate delle criticità non indifferenti quando soprattutto nei mesi di luglio-agosto sulla tratta Sèn Jan di Fassa, Nova Levante in certi orari i viaggiatori non possono accedere ai mezzi perché strapieni.

Se la gente rimane a terra, i segnale positivo è che l’apprezzamento per il mezzo pubblico è in costante crescita ma allo stesso tempo è un segnale negativo per la qualità dei servizi pubblici della zona.

L’effetto che si genera è il ritorno all’auto privata che offre la garanzia di arrivare a destinazione.

Lavorare su un aumento di offerta di servizio pubblico sulle brevi tratte come il territorio del Catinaccio con frequenza ai 30 minuti ,riteniamo sia più che mai necessario anche per “ liberare “ i pullman che fanno la tratta Seè Jan – Bolzano che resterebbero maggiormente disponibili per i trasferimenti più lunghi.
Un servizio di questo tipo potrebbe far anche pensare ad un viaggio che con una guida a bordo potrebbe raccontare ai viaggiatori il territorio che si sta attraversando.

La comunicazione bordo dei mazzi e soprattutto a terra con un progetto multilingue , italiano, tedesco, ladino, inglese, sul modello sudirolese , migliorerebbe l’accessibilità turistica al Centro Fassa in quanto ad es. una delle quotidiane lagnanze della clientela tedesca in Valle di Fassa è la bassa conoscenza della lingua tedesca tra la popolazione e nelle comunicazioni pubbliche.

 

*

Massimo Girardi
Presidente associazione Transdolomites

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2019/05/Un-Citybus-per-il-Centro-Fassa.pdf” title=”Un Citybus per il Centro Fassa”]