VIDEONEWS & sponsored

(in )

APT ROVERETO (TN) * ” NOTTE BLU “: SINDACO VALDUGA, « LANCIAMO NEL MIGLIORE DEI MODI IL DISTRETTO CULTURALE DELLA VALLAGARINA, POTREBBE DIVENTARE UN APPUNTAMENTO ANNUALE »

#NotteBluRovereto: in poche ore il tutto esaurito. E le iniziative della città unita per “costruire insieme il futuro” campeggiano sull’home page del sito ONU.

Nell’home page del sito ufficiale delle Nazioni Unite unric.org campeggiano le iniziative che Rovereto ha messo in campo per sabato 24 ottobre. La “Notte blu” di Rovereto è già un grande successo. L’iniziativa registra infatti già il tutto esaurito.

Per le stringenti norme anti-Covid le visite nei vari musei dovevano essere prenotate in anticipo. Ma già sabato, dopo che è uscita la notizia dell’evento, in poche ore, i posti a disposizione sono andati a ruba. E già da alcuni giorni ci sono lunghe liste d’attesa, se per caso ci fossero delle rinunce dell’ultima ora. Visto il gradimento, Comune di Rovereto e Apt Rovereto e Vallagarina già lavorano per dare una cadenza annuale all’appuntamento.

La città si colorerà di blu nella notte del 24 ottobre, in occasione della giornata che celebra il settantacinquesimo anniversario dell’entrata in vigore dello Statuto delle Nazioni Unite.

Un’iniziativa – ha detto nel corso della presentazione dell’evento il Reggente della Fondazione Opera Campana dei Caduti Alberto Robol – nata nell’ottica di rinsaldare il legame tra il Palazzo di Vetro e una città che, grazie alla sua Campana, è sempre più presente nello scenario diplomatico internazionale. Per questo, e per la prima volta, – ha ricordato Robol – tutte le realtà museali della Città della Quercia si sono riunite attorno allo slogan “costruiamo il nostro futuro insieme”.

Gli enti museali, coordinati dall’Apt Rovereto e Vallagarina, si sono messi in rete per offrire una serata veramente indimenticabile, con ingressi gratuiti, attività e visite guidate. Una sinergia fortissima che ha portato alla creazione di un evento che è un successo ancora prima che si svolga.

Rovereto è città della cultura e dell’incontro – ha sottolineato il sindaco Francesco Valduga – e questa manifestazione è stata pensata per rispettare le rigide norme anti-Covid. Lanciamo nel migliore dei modi il distretto culturale della Vallagarina. Questo – ha detto il sindaco – potrebbe diventare un appuntamento annuale.

Francesco Frizzera – provveditore del Museo Italiano Storico della Guerra – ha rimarcato che il museo è luogo di cultura legato alla contemporaneità. Sabato ci saranno visite guidate e reading legati alla storia con collegamenti al contemporaneo, come quello suggerito dalla mostra fotografica Iraq: una ferita aperta.

Alessandra Cattoi, direttrice della Fondazione Museo Civico, ha rimarcato che tutti hanno accolto la proposta con entusiasmo e si sono messi in gioco trovando il proprio approccio al tema identificato che, nel caso del museo, è il ritorno sulla Luna come progetto di collaborazione internazionale. I musei – ha ricordato – sono luoghi molto sicuri con percorsi anti – Covid creati ad hoc.
Franco Panizza per il Mart ha sottolineato come quello di sabato sia un momento corale per tutta la città. Un segnale di unità lanciato da tutti i musei, attraverso la potenza di un simbolo, il colore blu.

Il presidente dell’Apt Rovereto e Vallagarina Giulio Prosser ha sottolineato l’occasione importantissima per la città di promuovere i suoi musei tutti uniti, in sinergia. I musei sono sold out e il distretto culturale di Rovereto ha funzionato alla perfezione. Ben il 75% dei turisti – ha ricordato Prosser – si muove per le visite culturali e questi turisti hanno una capacità di spesa superiore del 30%. Visto il successo – ha chiuso Prosser – questa iniziativa si potrebbe ripetere una o due volte all’anno.
Visite ed iniziative alla Campana dei Caduti, al Mart, a Casa d’Arte Futurista Depero, al Museo della Città, al Museo Storico Italiano della Guerra. Alle 23 è in programma un trekking culturale notturno in città e l’ingresso al Teatro Zandonai allo scoccare della mezzanotte (a grande richiesta sono stati attivati altri due turni alle 22:30 e alle 23:30). Il teatro sarà aperto al pubblico dalle 23:30 all’una.

A tingersi di blu saranno la Campana dei Caduti, il Mart, il Museo della Città, il Museo della Guerra, il Teatro Zandonai e la Fontana di Piazza Rosmini, per un suggestivo colpo d’occhio che renderà ancora più esclusiva la cornice cittadina.

L’hashtag ufficiale dell’iniziativa è #NotteBluRovereto. A questo si affiancano gli hashtag ufficiali lanciati dall’ONU #UN75 e #ShapingOurFuture.
Malgrado il tutto esaurito ci sono alcune attività che è possibile comunque fare. Godersi la città tinta di blu, innanzitutto. Ma anche l’’osservazione della Luna al Museo Civico: si può entrare senza prenotarsi fino al raggiungimento della capienza massima ed eventualmente avere la pazienza di fare un po’ di fila distanziata. Ingresso libero al Castello di Rovereto dalle 17:30 alle 20 fino al raggiungimento della capienza massima. Alla Campana dei Caduti si accede previa prenotazione telefonica: possono entrare 50 persone all’ora telefonando allo 0464 434412.

Info e dettagli su visitrovereto.it e sui portali dei musei che aderiscono all’iniziativa