VIDEONEWS & sponsored

(in )

ANPI – TRENTINO * VATTARO – 76° ANNIVERSARIO STRAGE NAZISTA: COSSALI, “ ABBIAMO RICORDATO I SETTE PARTIGIANI (6 UOMINI E UNA DONNA) – DELLA DIVISIONE ‘GAREMI’ “

Il 76° anniversario della strage nazista del 4 maggio 1945 a Vattaro che vide la morte di sette partigiani -(6 uomini e una donna) – della Divisione “Garemi” operante nella zona di Asiago al confine con il Trentino, è stato ricordato sabato mattina con una cerimonia presso il cippo che ricorda il loro sacrificio.

Quell’episodio aveva suscitato vasta e motivata apprensione tra la popolazione del paese e solo recentemente essa ha trovato composizione tra le diverse versioni storiche, fermo restando che si trattò dell’ennesima terribile violenza delle truppe di occupazione tedesche nel nostro Paese.

Quella di Vattaro, ha ricordato il presidente di Anpi Trentio Mario Cossali, si inserisce in una sequenza che proprio nella parte conclusiva del secondo conflitto mondiale, ha visto le contrade della nostra provincia e del vicino Alto Adige funestate da numerosi eccidi da parte delle truppe naziste in ritirata. Ed è ancora più grave che queste stragi – la più sanguinosa in Trentino quella di Stramentizzo – siano avvenute dopo la resa incondizionata di tutte le truppe tedesche presenti sul territorio italiano.

All’iniziativa, promossa dall’ Anpi del Trentino e di Vicenza e Bassano congiuntamente all’amministrazione comunale dell’Altopiano della Vigolana, hanno partecipato, a nome del sindaco, gli assessori Jessica Dellai e Marcello Sadler, oltre a numerosi consiglieri sia di maggioranza che di opposizione.

Nelle parole dell’assessora Dellai, di Walter Nicoletti, di Paolo Bridi l’esortazione a tenere viva la memoria di questi tragici avvenimenti quale condizione per ritrovare le ragioni morali ed ideali che ancora oggi interpellano quanti, in un mondo segnato da profonde ingiustizie e dalla diffusa mancanza di libertà, democrazia e giustizia sociale, avvertono e praticano concretamente il dovere di testimoniare l’impegno per assicurare a tutti la dignità propria di tutti gli essere umani.