Il 4 luglio riaprirà il Giardino botanico alpino all’Alpe di Folgaria Coe completamente rinnovato.

Riapre quest’estate il Giardino Botanico Alpino di Passo Coe, tassello importante di un’offerta turistica estiva che intende valorizzare le risorse ambientali del territorio montano dell’Alpe Cimbra.

Oggi in un’ampia radura di tre ettari alle pendici del Monte Maggio, il giardino botanico alpino di Passo Coe è una straordinaria vetrina per stimolare la conoscenza del ricco patrimonio floristico spontaneo. Le piante crescono in rupi e roccere, prati e pascoli, boschi di conifere, cespuglieti, pozze d’alpeggio e ghiaioni, inserite nel loro habitat naturale di crescita. Vivaci macchie di colore sullo sfondo verde di prati e boschi richiamano l’attenzione del visitatore: le fioriture si alternano da fine primavera all’autunno.

Il giardino non è solo botanica: fenomeni di carsismo, come doline e campi carreggiati, e affioramenti di calcari ricchi di fossili rendono l’area interessante anche dal punto di vista geologico. Piante officinali, fitoalimurgiche (mangerecce) e velenose, raccolte in aiuole dedicate, raccontano lontane consuetudini e superstizioni di montagna.

“Quest’anno si è deciso di dare nuovo slancio al progetto, già forte sotto il profilo scientifico e pedagogico grazie alla ormai tradizionale collaborazione con la Fondazione Museo Civico di Rovereto, coinvolgendo dal punto di vista organizzativo e logistico l’Azienda per il turismo Alpe Cimbra” afferma il Sindaco di Folgaria Michael Rech.

“Oltre alle visite guidate con gli operatori didattici della Fondazione Museo Civico di Rovereto e alle visite guidate a tema per conoscere il giardino con occhi diversi (visite a tema zoologico, geologico, archeologico) l’Azienda per il Turismo Alpe Cimbra proporrà ai visitatori tanti laboratori, attività per le famiglie con bambini, visite guidate in notturna con ispirazione alla fiaba dell’Alpe Cimbra, puntando alla vocazione turistica di un territorio scelto proprio da chi ha figli piccoli come particolarmente accogliente e ricco di possibilità ma l’ortobotanico con questa nuova apertura completamente rinnovata nei contenuti risulterà estremamente interessante anche per le persone adulte”, aggiunge il Direttore Daniela Vecchiato.

L’obiettivo che insieme si vuole raggiungere è quello di rendere il giardino botanico alpino un’area di valorizzazione di specie botaniche, una condensata immagine dell’ambiente alpino, un sussidio didattico e un luogo di incontro dedicato anche ai più piccoli, grazie alla possibilità di partecipare a visite guidate e attività didattiche.

L’iniziativa è infine la prova di quanto sia irrinunciabile la necessità di collaborare, al fine di unire le forze e le vocazioni, per giungere a un’offerta più ampia e diversificata, divulgando la sensibilità per la natura.

Il potenziamento del Giardino Botanico rientra nel nuovo progetto “Alpine Pearls” e al tema della sostenibilità, rispetto dell’ambiente e turismo lento saranno dedicati alcuni eventi speciali nel corso dell’estate.

Si ringraziano i partner per gli allestimenti di aree tematiche Olga Casanova per le stelle alpine e Calliari fiori.
Il Giardino botanico alpino di Passo Coe sarà aperto dal 4 luglio al 6 settembre tutti i giorni dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.30 e fino a fine settembre il sabato e la domenica.