VIDEONEWS & sponsored

(in )

ALFREIDER (SVP) * IDROGENO: « LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA LEGGE DI BILANCIO È UN PASSO PER LA CREAZIONE DI UN BRENNER-GREEN CORRIDOR, INCONTRO LUNEDÌ A INNSBRUCK »

Secondo Alfreider, la promozione della mobilità sostenibile nella legge di bilancio è un passo per la creazione di un Brenner-Green Corridor – Incontro lunedì a Innsbruck per l’idrogeno.

Con la recente approvazione della legge finanziaria a Roma, è stato compiuto un ulteriore passo verso l’introduzione di sistemi di propulsione alternativi nei settori della mobilità. Entro ottobre 2020 deve essere elaborata una proposta per la transizione ecologica e ridefinire le esenzioni per il trasporto di merci a partire dal 2021. “Si tratta di un passo in avanti per adottare soluzioni innovative nel campo del traffico di transito sul corridoio del Brennero e per incentivare la decarbonizzazione dei trasporti. L’obiettivo è creare un moderno green corridor sul Brennero”, afferma l’assessore alla mobilità Daniel Alfreider.

Con la costruzione di un’efficiente infrastruttura di rifornimento sia per la mobilità pubblica sostenibile che anche sull’asse del Brennero l’Alto Adige vuole svolgere un ruolo pionieristico in questo settore. “Negli ultimi mesi abbiamo fatto una costante pressione a Bruxelles e a Roma per attivare piani concreti per incentivare lo sviluppo di queste tecnologie e trasformare l’Alto Adige in una Hydrogen Valley e creare una piattaforma digitale innovativa almeno da Monaco a Verona. Siamo consapevoli che le nuove tecnologie avranno successo solo se tutti gli stati e le regioni sul corridoio del Brennero lavoreranno insieme”, dice Alfreider.
Secondo Alfreider, misure unilaterali spesso spostano i problemi nelle regioni vicine senza porre le basi per una soluzione generale. Il traffico deviato sulle nostre strade provinciali ne è una conseguenza, che non vogliamo più accettare. Lunedì a Innsbruck si terrà un incontro su come favorire una mobilità sostenibile del traffico merci nella Euregio.

Un’ulteriore disposizione della nuova legge sul bilancio stabilisce inoltre che in futuro le istituzioni pubbliche saranno tenute ad acquistare il 50% dei nuovi acquisti con tecnologie di propulsione alternative al momento del rinnovo del parco veicoli. “In collaborazione con i parlamentari dell’SVP, in primis con il senatore Dieter Steger, siamo stati in grado di includere la tecnologia dell’idrogeno con un emendamento”, spiega Alfreider.

Perché è importante promuovere sistemi di mobilità sostenibile?
Daniel Alfreider: Lo svantaggio delle nuove tecnologie, come quella dell’idrogeno, è il costo elevato. Pertanto, incentivi pubblici sono necessari per dare alla tecnologia una possibilità sul mercato. Stiamo lavorando con il Ministero per ridurre i costi della rete. Attualmente, un team di esperti sta lavorando per definire esempi pratici di applicazione in Alto Adige e nella Euregio.

Come è posizionata l’Alto Adige sulla produzione di idrogeno?
Alfreider: L’Alto Adige, come le regioni limitrofe, subisce quotidianamente le conseguenze del traffico di transito. Abbiamo intenzione di sviluppare un’infrastruttura lungo l’asse del Brennero per far passare progressivamente i mezzi pubblici ed il traffico di transito alle tecnologie che utilizzano l’idrogeno. Grazie alla sua enorme potenza idroelettrica, l’Alto Adige ha un enorme potenziale per sfruttare al meglio questa energia pulita a livello regionale per soluzioni di mobilità e di transito. Questo ci renderà più indipendenti dalla benzina e gasolio.

Come si può aumentare la domanda per l’uso di queste tecnologie moderne?
Alfreider: Attraverso una strategia comune europea. Ci sono già progetti per collegare il Nord Africa con l’Europa e di convertire l’energia solare in idrogeno utilizzando le infrastrutture esistenti. L’Alto Adige sarebbe proprio al centro di un tale corridoio.