VIDEONEWS & sponsored

(in )

ALEXANDER SCHUSTER (+EUROPA) * REFERENDUM TAGLIO PARLAMENTARI: « INVITIAMO I TRENTINI A VOTARE “NO”, PER NON FOMENTARE L’ANTIPOLITICA E LA DEMAGOGIA »

+Europa, unico partito a metterci la faccia per il “No”. Nella desolazione del silenzio roboante sul referendum, +Europa afferma anche a Trento il suo impegno per il No. Quale unico partito in Parlamento che ha sempre votato in maniera coerente, vogliamo ribadire che questo referendum non costituisce un passo avanti. Il 20 settembre gli elettori dovrebbero rispondere a questa domanda: è questa la riforma di cui ha bisogno l’Italia?

Lungo le strade del capoluogo si trovano i sorrisi smaglianti della Meloni e le stelle sfavillanti dei grillini. I cittadini hanno il diritto anche di riflettere sul no. Il no di chi comprende i limiti della politica italiana, ma non abdica alla democrazia rappresentativa e al Parlamento per esaltare la “democrazia” alla Rousseau. La democrazia ha un costo, ma sicuramente ci sono molti costi che si possono tagliare. Ma questo referendum non limita i privilegi dei parlamentari. Semplicemente, riduce il numero di chi ne potrà godere. Lavoriamo sul bicameralismo (im)perfetto e pensiamo a un nuovo federalismo, che dalle regioni salga fino al livello europeo.

In queste ore +Europa Trento, d’intesa con il nazionale, sta terminando l’affissione in città dei manifesti a favore del NO, sia di quello nazionale sia di quello riportante il motto scelto dal gruppo locale: “Tagliamo i privilegi, non le teste pensanti”.

Invitiamo i Trentini a votare NO, a non fomentare l’antipolitica e la demagogia. Per Alexander Schuster, portavoce regionale di +Europa, 《assumiamoci le nostre responsabilità e diamoci il coraggio per realizzare quelle riforme che consentiranno al Paese di compiere la svolta necessaria. È un impegno notevole, ma anche l’unica strada per dare un futuro a noi e ai nostri figli.
In allegato i manifesti e la foto delle prime affissioni》.