VIDEONEWS & sponsored

(in )

AGOSTINO CAROLLO * ANTITRUST E MERCATINI DI NATALE DI TRENTO: « L’ASSESSORE STANCHINA SI METTA IN TESTA CHE BISOGNA FARE UNA GARA PUBBLICA CON UN BANDO » (VIDEODICHIARAZIONE)

 

 

«Ciao a tutti, sono Ago Carollo, e visto che è uscita la notizia dell’Antitrust che è intervenuto sui mercatini di Trento volevo fare un attimo di chiarezza perché ho letto delle cose veramente strampalate.

Allora la questione è veramente chiara, cioè l’Antitrust – ovvero non io ma l’Antitrust che è la massima autorità italiana che controlla la concorrenza e il mercato in italia – ha detto che i mercatini di Trento devono essere fatti con un bando pubblico adeguatamente pubblicizzato e non possono essere assegnati direttamente a un soggetto, in questo caso l’Apt di Trento. Questo l’assessore Stanchina e tutti gli altri che mi hanno addirittura accusato di essere il colpevole di questa cosa devono mettersela in testa: bisogna fare una gara pubblica con un bando.

Avete avuto una sentenza l’anno scorso che vi è arrivata; anch’io vi avevo informato. Tra l’altro l’ha emessa proprio il tribunale di Trento, il Tar, condannando il Comune di Rovereto che faceva la stessa cosa che facevate voi, cioè assegnare direttamente al Consorzio “Rovereto in Centro” l’organizzazione.

Bene, questo non si può fare e ve lo dice l’Antitrust. Ma occhio, perchè l’Antitrust non è che ve lo dice e basta. No, se andate a vedere sul sito l’Antitrust dà delle multe di qualche milione di euro in alcuni casi. Perciò quello che dovete fare è molto semplice: incaricate l’ufficio (avete un Ufficio appalti e contratti) di fare un bando e pubblicatelo.

Questo è il futuro per Trento, ma non solo nel settore dei mercatini ma di tutti gli eventi, che non possono essere assegnati direttamente ad un organizzatore perché questo non va bene, né per l’economi,a né per la concorrenza, né per lo sviluppo turistico di tutto il settore.

Perciò se avete bisogno di qualche altro chiarimento contattatemi sarò ben lieto di dare una mano! A presto e ciao, rock’n roll».

 

*

Agostino Carollo