VIDEONEWS & sponsored

(in )

AGIRE PER IL TRENTINO * ALBERE: RIGOTTI, « DAL 1°SETTEMBRE IL PARCHEGGIO INTERRATO SARÀ A PAGAMENTO? SE COSÌ FOSSE SAREBBE UN CLAMOROSO ERRORE PER IL QUARTIERE »

Parcheggio interrato alle Albere a pagamento? Rigotti (AGIRE): “Iniziativa che andrebbe a inficiare gli sforzi di quanti hanno scelto di scommettere sulla città investendo nel quartiere”.

Il parcheggio pubblico interrato del quartiere Le Albere dal 1°settembre sarà a pagamento. Chi si è recato sul posto di recente per frequentare le attività commerciali della zona, si è trovato davanti una stanga abbassata e una guardia che consegna a tutti il ticket d’ingresso (da passare alla cassa automatica prima dell’uscita), avvisando gli utenti di una sperimentazione in corso e che dal 1° settembre la sosta, attualmente gratuita, sarà a pagamento. Alcuni rumors indicano anche delle cifre orarie che, se confermate, non sarebbero certo competitive con la zona rossa del centro città.

Se tale previsione dovesse effettivamente realizzarsi (che il parcheggio sia privato o pubblico poco cambia ai fini del ragionamento) si tratterebbe di un clamoroso errore, per un quartiere per il quale si cerca con molta fatica uno slancio, sin dalla sua inaugurazione nel 2013. I parcheggi gratuiti, proprio sotto le attività commerciali, costituivano un seppur minimo incentivo per la clientela, che in questo modo perderebbe un servizio che costituiva uno dei pochi punti a favore del quartiere rispetto ad altre aree della città.

Difficile pensare a un’operazione per “alleggerire” il parcheggio, visto l’elevato numero di stalli vuoti che ogni volta si trovano al suo interno. Difficile anche pensare che i ticket del parcheggio possano risanare la situazione economica di chi ha condotto un’operazione immobiliare evidentemente non calibrata sulla realtà trentina. Quindi dove è stata partorita tale idea?

Oltre al danno agli utenti saltuari, frequentatori delle attività economiche (ristoranti, caffetterie, negozi… ), il nuovo balzello sembrerebbe destinato a non risparmiare neanche chi lavora nel quartiere, tanto che alcune società si dice siano già in cerca di un accordi.

Non posso che esprimere la mia perplessità e preoccupazione per tale iniziativa, che andrebbe a inficiare gli sforzi di quanti hanno scelto di scommettere sulla città investendo nel quartiere e resistendo alle notizie, purtroppo già numerose, di abbandono delle attività commerciali dall’area. In tutto ciò, pesa il silenzio di un’amministrazione comunale che pare aver abdicato al suo ruolo di regia sulla città e che, a parte concentrarsi nel costruire costosi sottopassaggi, pare non avere un’idea di lungo periodo per il rilancio di un quartiere mai decollato.

 

*

Matteo Rigotti
Candidato della lista AGIRE per il Trentino, a sostegno del candidato Sindaco Marcello Carli

 

*

Foto: Archivio Opinione