PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

"Il Trentino news" (puntata n° 17)

Stefania Gaiotto, produttrice di frutta biologica, mais e allevatrice di galline e polli da carne di Civezzano; Stefania Lusuardi produttrice di ortaggi, piante officinali ed esperta in agricoltura sinergica di Monte Terlago e Nadia Laura Pitto, coltivatrice di cereali e piante officinali, nonché animatrice di un agriturismo con casa sugli alberi in val di Fassa sono le vincitrici della prima edizione del premio “Donne e agricoltura per la nostra terra trentina”.

La premiazione è avvenuta questa sera presso la sala del Vigilianum a Trento alla presenza dell’Arcivescovo Monsignor Lauro Tisi.

Il premio nasce da un’idea del Coordinamento Donne delle Acli Trentine ed ha come finalità costitutiva quella di promuovere e valorizzare il pensiero e le esperienze della donna; di sostenere iniziative e attività per promuovere la partecipazione della donna con ruoli di responsabilità nella società civile e nel mondo del lavoro.

La proposta è stata condivisa con l’Arcidiocesi di Trento che è attenta al mondo del sociale, agli immigrati e alla convivenza tra i popoli, le problematiche legate al mondo del lavoro e della custodia del creato, alla parità di genere e al ruolo della donna nel territorio trentino.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con: FEM, CSV Trentino, Acli Terra e Fap Acli.
Alla prima edizione hanno partecipato ben 17 donne provenienti da altrettante aziende agricole dove si sono consolidate esperienze innovative legate ad un’agricoltura coerente con il modello alpino di produzione, attenta alla sana alimentazione e all’accoglienza in azienda tramite il diretto coinvolgimento del consumatore-utente e del turista.

Monsignor Tisi ha ricordato la visione e la “capacità di futuro” di cui sono portatrici queste esperienze femminili auspicando che analoghe energie e valori entrino a pieno titolo anche nella società e nella Chiesa.

Alle vincitrici è stato consegnato un premio di 2.000 (duemila) euro ciascuna al quale si è aggiunto un assegno di 500 euro da parte di Pensplan con l’apertura delle rispettive posizioni relative alla previdenza integrativa.

*

Nella foto – da destra –
Donatella Lucian, Responsabile Coordinamento Donne Acli
Stefania Lusuardi, Stefania Gaiotto e Nadia Laura Pitto