VIDEONEWS & sponsored

(in )

AC TRENTO * CALCIO: « TERZA VITTORIA DI FILA PER I GIALLOBLÙ, SEGNANO DUE VOLTE NEL PRIMO TEMPO E POI RESISTONO AL RITORNO DELLA SQUADRA PATAVINA »

Dopo aver superato Ambrosiana e Delta Porto Tolle, il Trento cala il tris. Lo fa superando per 2 a 1 l’Este nel turno infrasettimanale valevole per la quarta giornata del girone C di serie D. Primo tempo praticamente perfetto dei gialloblù, in rete con Caporali (gol pazzesco per lui) e il bomber Aliù, che sale a quota 4 nella classifica marcatori. Il Trento resta in vetta in coabitazione con il Caldiero Terme, oggi corsaro sul campo dell’Adriese.

Domenica si torna al “Briamasco”: l’avversario di turno sarà l’Arzignano Valchiampo, ancora fermo a quota zero punti in classifica.

Live match.

Mister Parlato deve fare a meno di Ferri Marini, Bran e Trainotti e si affida a dieci undicesimi dello schieramento che domenica ha piegato il Delta Porto Tolle: davanti a Cazzaro la linea difensiva è formata da Affolati e Tinazzi sulle corsie esterne con Dionisi e Salviato al centro. Gatto agisce da playmaker con Pilastro e Osuji interni, mentre Caporali agisce da trequartista alle spalle del tandem offensivo formato da Aliù e Pietribiasi. In panchina prima convocazione per il centrocampista Matteo Trevisan.
Il Trento parte deciso e, dopo aver assunto il controllo delle operazioni, al 13′ passa in vantaggio grazie alla “gemma” di Caporali, che scambia ai venti metri con Aliù e poi lascia partire una conclusione di destro di rara potenza e precisione che s’insacca all’incrocio dei pali con Fontana vanamente proteso in tuffo. Un Supergol, il secondo della stagione, per il “tuttocampista” gialloblù.

L’Este accusa il colpo e, per tre volte, la squadra di Parlato potrebbe raddoppiare: prima Aliù incorna fuori misura il traversone di Pietribiasi, poi lo stesso numero dieci non trova la porta sugli sviluppi di uno schema da calcio piazzato perfettamente eseguito dalla squadra gialloblù e, infine, Aliù entra in area dalla sinistra, lascia sul posto il diretto avversario e poi calcia rasoterra con la palla che termina a lato per una questione di centimetri.

Il secondo gol è nell’aria e arriva puntuale al 33′: Zanetti sbaglia il controllo sulla propria trequarti, Aliù gli soffia la sfera e s’invola in solitaria verso la porta di casa, invita Fontana all’uscita e poi lo trafigge con un “piattone” chirurgico che non dà scampo al numero uno dell’Este.
I locali provano a reagire, ma Cazzaro è attento e reattivo sulla conclusione da dentro l’area di Greco.

Nella ripresa l’Este trova quasi subito la rete che riapre l’incontro con Pozzebon, che ribadisce in rete una respinta di Cazzaro dopo conclusione velenosa di Giglio. Mister Parlato inserisce Belcastro, all’esordio in maglia gialloblù, poi Pettarin, Comper e Santuari, quest’ultimo alla “prima” stagionale.

La squadra di casa spinge, ma Cazzaro può dormire sonni tranquilli perché, a parte qualche velleitaria conclusione da fuori e un paio di mischie ben sventate dalla retroguardia, l’Este non crea alcun pericolo.
Il Trento vince e prosegue la propria corsa a punteggio pieno in vetta alla classifica. Domenica al “Briamasco” quarto impegno stagionale contro l’Arzignano Valchiampo, oggi sconfitto in casa dal Belluno.

Il tabellino.

ESTE – AC TRENTO 1-2
ESTE (4-3-1-2): Fontana; Labonia, Zanetti, Bordi, Presello; Beniamin (33’st Bressan), Nardini, Giglio (17’st Stefani); Greco; Pozzebon (17’st Cardellino), Farinazzo (38’st Feuillassier).
A disposizione: Brozi, Hoxha, Pizzolato, Saorin, Pasha.
Allenatore Stefano Marchini (Massimiliano De Mozzi squalificato).
AC TRENTO (4-3-1-2): Cazzaro; Affolati (33’st Santuari), Dionisi, Salviato, Tinazzi; Pilastro (22’st Comper), Gatto, Osuji (12’st Pettarin); Caporali; Pietribiasi (10’st Belcastro), Aliù.
A disposizione: Ronco, Contessa, Bonomi, Amadori, Trevisan.
Allenatore: Carmine Parlato.
ARBITRO: Tesi di Lucca (Nechita di Lecco e Taverna di Bergamo).
RETI: 13’pt Caporali (T), 33’pt Aliù (T), 9’st Pozzebon (E).
NOTE: spettatori 300 circa. Campo in buone condizioni. Pomeriggio caldo e soleggiato. Ammoniti Giglio (E), Bressan (E), Salviato (T), Affolati (T). Calci d’angolo 4 a 4. Recupero 1′ + 4′.

(in allegato dieci immagini del match – ph. Carmelo Ossanna)