VIDEONEWS & sponsored

(in )

A22 – AUTOSTRADA DEL BRENNERO * EGNA: « NUOVA VIABILITÀ, AL VIA I LAVORI DI PONTE E SOVRAPPASSO PISTE PEDONALI E CICLABILI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE »

Entro la fine del 2021, il Comune di Egna potrà contare su due nuove opere che miglioreranno significativamente la viabilità della zona: un nuovo ponte sul fiume Adige e, lungo la stessa direttrice, un nuovo sovrappasso autostradale. Un investimento da 14,1 milioni di euro sostenuto congiuntamente da Autostrada del Brennero (40%) e Provincia Autonoma di Bolzano (60%). Le due nuove infrastrutture saranno realizzate perseguendo tre obiettivi principali: venire incontro alle esigenze viabilistiche odierne, dare continuità urbanistica al comune grazie alle piste dedicate a pedoni e ciclisti e, non ultimo, ottenere delle linee architettoniche belle e caratterizzanti il territorio.

Il cantiere, avviato pochi giorni fa, è stato presentato questa mattina alla stampa. A fare gli onori di casa il Sindaco di Egna. Soddisfatto per l’inizio lavori, Horst Pichler, ha ribadito che si tratta di “un intervento fondamentale per il territorio in termini di sicurezza e di servizio, collegando l’abitato con la stazione e le molte aziende della zona”. “I due nuovi ponti – ha osservato l’Assessore alla Mobilità e alle Infrastrutture della Provincia Autonoma di Bolzano, Daniel Alfreider – non sono necessari solo per motivi legati al traffico, ma si inseriscono perfettamente nel nostro concetto di mobilità sostenibile, dato che comprendono le piste pedonali e ciclabili: sono un importante potenziamento della mobilità dei cittadini di Egna, che ora potranno muoversi in sicurezza in bicicletta o a piedi su tutto il territorio comunale”.

“Per noi – ha sottolineato il Presidente di Autostrada del Brennero, Hartmann Reichhalter – è davvero un motivo di orgoglio contribuire a realizzare opere non sono solo funzionali all’autostrada, ma anche utili ai nostri territori”. “Il mio auspicio – ha aggiunto l’Amministratore Delegato, Diego Cattoni – è che a breve noi si possa partire con un Piano economico finanziario che di opere come queste ne prevede davvero molte, un piano capace di consolidare il ruolo strategico dell’asse del Brennero e di garantire ulteriore sviluppo ai territori attraversati dalla A22”. “La scelta architettonica così particolare, un arco a spinta eliminata per entrambe le strutture, – ha osservato il Direttore Tecnico Generale, Carlo Costa – è stata fatta innanzitutto per ragioni paesaggistiche. Da tempo, ogni nuovo progetto di Autostrada del Brennero è studiato non solo per garantire la massima efficienza funzionale, ma anche per inserirsi nel paesaggio valorizzandone la specificità”.

Sia il ponte che il sovrappasso saranno realizzati su nuovi tracciati per poter assicurare la continuità del traffico sulle strutture esistenti per tutta la durata dei lavori. Solamente nella fase conclusiva, per il completamento delle rampe di accesso, sarà temporaneamente chiusa via della Stazione, limitando così al minimo i disagi. La stessa ciclabile, lungo l’argine sinistro del fiume, sarà sempre percorribile.

Il ponte sul fiume Adige avrà uno sviluppo di poco più di 81 metri per una larghezza, variabile, tra i 15 e i 20 metri. L’impalcato sarà realizzato in cemento armato con cinque pile in calcestruzzo di grande diametro, utili anche in caso di piena del fiume al fine di ridurre la velocità di deflusso della acque. Il sovrappasso autostradale avrà una lunghezza di 46 metri per 14 metri di larghezza. Molto particolare l’architettura scelta per le due opere, che saranno realizzate ad arco inclinato sulla verticale e caratterizzate entrambe da passaggi pedonali e ciclabili a sbalzo.